Utente 171XXX
Salve, vi racconto il mio problema....l'anno scorso nei principi del mese di giugno ero nervoso e ho dato un paio di calci al rubinetto della vasca da bagno con la pianta del piede destro (lo so ho fatto una cosa senza senso e mi vergogno a raccontarla in questo sito! Infatti me ne sono pentito subito di aver fatto questo gesto). Il giorno dopo (sempre l'anno scorso) si è presentato sul piede destro un fastidio tremendo, una specie di formicolio su tutto il piede e la gamba con fitte. Addirittura delle volte per sentire di meno questo fastidio mi stringevo il piede. In principio sono andato al pronto soccorso e mi hanno detto che non era niente soltanto che il fastidio mi tormentava e usavo creme antinfiammatorie tipo Fastum gel, Voltaren e Dicloreum ma niente....insomma mi sono tenuto questo fastidio per circa 10 11 mesi. Poi nel mese di marzo di quest'anno ho fatto una visita ortopedica all'ospedale di Catanzaro (Calabria) e l'ortopedico apparentemente mi ha detto che non ho niente e se proprio volevo rassicurarmi mi ha ordinato di fare una risonanza magnetica. Così ho prenotato la risonanza verso maggio/giugno e l'ho fatta il 3 di luglio (a distanza di un anno e un mese dal calcio sul rubinetto); mi hanno fatto una RM su tutto il piede e la caviglia e basta. Recentemente in questo mese di agosto ho ritirato la risonanza magnetica e mi hanno diagnosticato una infiammazione del liquido sinoviale (sinovite), per fortuna niente microfratture o altro....ora vi domando: è qualcosa di grave questa sinovite? Può degenerare? Va curata? Qual'è la cura per questa infiammazione? Adesso a distanza di un anno e 3 mesi posso fare qualcosa per curare l'infiammazione o è troppo tardi? Rispetto al principio il fastidio è diminuito ma rimane ancora, infatti delle vote sento il fastidio soprattutto al calcagno del piede. Io vorrei che mi scomparisse del tutto. Faccio ancora in tempo per fare qualcosa???? Nell'attesa di una risposta, vi ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Trascriva il referto della RM così da permetterci una valutazione più chiara. Cordiali saluti.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 171XXX

Salve! Innanzitutto la ringrazio per avermi risposto.
Allora sul referto c'è scritto così:

RM CAVIGLIA E PIEDE DX (SENZA CONTRASTO)

Indagine eseguita con tecnica SE FE ed FSE nei tre piani ortogonali dello spazio mediante sequenze T1 DP e T2 pesate.


Minima sinovite endoarticolare.
Regolare l'intensità di segnale delle strutture tendinee e legamentose esaminate.
Nella norma l'intensità di segnale della midollare ossea dei segmenti scheletrici esaminati.

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Il reperto potrebbe essere aspecifico e non essere in relazione alla sintomatologia. E' necessario consultare un reumatologo per una migliore valutazione. Cordiali saluti.
Mauro Granata