Utente 345XXX
egregio dottore sono un ragazzo di 39 anni le scrivo perche' mi creda non esagero ma la mia vita da un anno e' diventata un inferno.tutto e' iniziato con un leggero dolore allo sterno che man mano e' diventato piu forte e' anche costante,poi sono subentrati dolori allle articolazioni delle spalle, gambe, braccia,, polsi ,nella zona sacro illiache ,un po meno alla schiena con relativo interessamento anche dei muscoli,e poi una stanchezza cronica,dottore comunque mi sento dolori diffusi un po dapertutto,i quali non mi passano con nessun antidolorico non steroidei tranne che con il contromal che come lei ben sa fa parte della famiglia degli oppiacei che mi fa stare un po meglio ma solo per un giornata piu o meno.a tal proposito un medico primario del reparto medicina generale di un ospedale di napoli mi ha ricoverato e mi ha fatto i seguenti esami;eco ccuore per il dolore sternale,ecg con prova da sforzo,ecodoppler,gasroscopia,esami ematici di tutti i tipi dalla reumatologia alla autoimmunologia,markers tumorali ed epatici tas ves e tutto quelo che si puo evincere dal sangue,scintgrafia ossea,dottore conclusione e' risultato tutto nella norma sopratuttto dai valori del sangue solo la scintigrafia ossea ha evidenziato un accumulo del radiocomposto tra la 4 e la 5 costola.a tal proposito il dottore per sicurezza ma ha fatto fare una ris.magnetica e tac toracica con mezzo di contratto che non hanno evidenziato nulla di anomalo ed il medico ha associato questa infiammazione sternale alla mia postura in quanto faccio il tassista.dottore comunque conclusione mi hano diagnosticato questo reumatismo fibromialgico e come terapia mi hanno dato un antidepressivo(zoloft 50mg e dei miorillassanti,la cura l'ho iniziata da 2 giorni) appunto le volevo chiedere ,con tutto il rispetto verso i vostri colleghi se lei concorda con questa diagnosi,con la terapia che mi e' stata data e cosa posso fare per i dolori che spesso sono insopportabili,ho sentito parlare della buprenorfina,posso usarla o secondo lei e' pericolosa perche'puo'portarmi dipendenza.dottore la ringrazio anticipatamente e mi scusi se mi sono dilungato troppo ma mi creda sto soffrendo come un cane e tutti mi dicono che non ho niente,sto per arrivare alla diperazione totale e non so propio fino a quando riusciro' a sopportare questi dolori,sto resistendo solo per il bene che voglio ai mie figli,mi scusi ancora e grazie spero mi risponda

[#1] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
La diagnosi di Fibromialgia è una diagnosi "di esclusione" oltre che clinica, pertanto dai dati che elenca è verosimile che la diagnosi sia corretta.
Io tratto questa patologia con antidepressivi (Zoloft va bene) un antidolorifico (per esempio associazione Tachipirina e codeina 2 volte al giorno) un miorilassante (Flexiban) e della vitamina D. Controlli la tiroide se non l'ha fatto. Ovviamente andrà gestito tutto dal suo MMG.
EVITI per ora attività fisica, mentre cessato il dolore dovrà fare stretching. La cura è lunga ed i risultati sono spesso lenti.
Cari saluti e non esiti a richiedere altre notizie.
Pierfrancesco Leucci
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -

[#2] dopo  
Utente 345XXX

egregio dottore la ringrazio per i consigli,solo le volevo chiedere il flexiban per quanti giorni lo devo prendere e lo stesso per quanto riguarda la tachipirina e la codeina per quanto tempo li devo prendere,quando nell'arco della giornata e il dosaggio.,e poi secondo lei dottore il dolore sternale ,da come ho letto da alcuni siti medici,e'un sintomo della fibromalgia? mi scusi tanto per le tante domande e la ringrazio di cuore dottore,buon lavoro e di nuovo grazie

[#3] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Il dolore sternale può essere un sintomo della Fibromialgia ma può anche essere correlato con un reflusso gastro esofageo, spesso presente in queste forme.
Riguardo la terapia Le ho dato soltanto un indirizzo, che andrà condiviso e definito insieme al suo MMG, dopo aver avuto conferma della diagnosi.
Cordiali saluti
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -