Utente 138XXX
Non so se sto chiedendo allo specialista interessato. Ho 49 anni, soffro di Tiroidite di Hashimoto compensata,sindrome di Sjogren in forma frusta, esofago di Barrett di tipo fundico con ernia iatale, vitiligine in trattamento con uvb, sporadici episodi di aritmie cardiache, varie protrusioni e discopatie a livello lombare e cervicale. Nonostante l'elenco conduco una vita discreta, anche perchè ho imparato a convivere con i mie acciacchi e sono sempre in movimento. Da qualche tempo ho dolori migranti che passano dalle ginocchia alla schiena, al dito indice della mano destra, all'alluce sinistro, in modo particolare al mattino. Viste le patologie autoimmuni sopra elencate, devo temere un'artrite reumatoide?

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Solo una accurata visita specialistica reumatologica potrà chiarire se i suoi disturbi siano secondari alle patologie elencate o dovuti ad un reumatismo primitivo come l'artrite reumatoide. Cordiali saluti.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 138XXX

Egregio Dottor Granata,
riporto gli esiti dei raggi x alle mani( al momento ho fatto solo quelli perchè io suono e le mani per me sono indispensabili)
"Demineralizzazione dei capi ossei delle articolazioni interfalangee e matacarpofalangee con minima riduzione di ampiezza della rispettive interlinee radiotrasparenti cartilaginee, reperti radiologici sfumati compatibili con un'iniziale poliartrite."
Gli esami di routine, ves, reumatest, C3 C4 sono negativi. Sto aspettando la risposta della ricerca degli anticorpi anticitrullina. Devo dire però che nel giro di pochissimi giorni, complice forse l'eccessiva umidità, i dolori si sono moltiplicati, e al mattino sono veramente insopportabili. Per una buona mezz'ora fatico persino a camminare. Ho sentito parlare di artriti sieronegative. So che è bene affidarsi ad uno specialista, ma le chiedo se, gentilmente, può spiegarmi qualcosa in merito. La ringrazio per la disponibilità

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Le spondiloartriti sieronegative sono un gruppo di malattie reumatiche che presentano simili caratteristiche per quanto riguarda la familiarità, la clinica, gli aspetti radiologici e l'approccio terapeutico. Il corretto inquadramento diagnostico e terapeutico è di competenza dello specialista reumatologo. Cordiali saluti.
Mauro Granata