Utente 204XXX
Salve, una mia amica a luglio 2011 avendo dolore ad un dito della mano sinistra da un pò di tempo, si è decisa a fare i raggi e gli esiti ritirati sono i seguenti:
Non apprezzabili lesioni ossee a focolaio.
Il Ns. dottore di condotta ha detto che non c'è nulla, ma tutt'oggi ha ancora dolore, precisamente ha dolore nella seconda e terza falange dell'inidce della mano destra, oltre a questo ogni tanto avverte anche dolore al gomito, alla spalla, al ginocchio.
Lei come lavoro fa la cassiera in un supermercato e come sport pratica il calcetto, (portiere) quindi molto spesso gioca sotto l'acqua, con il gelo e neve a temperature molto basse.
I primi di settembre proprio mentre giocava a calcetto si è fatta male alla caviglia dx e da quel giorno qualche volta alla mattina appena si sveglia non riesce a camminare bene bene e gli da un pò di fastidio anche l'altra caviglia.
Tutti questi dolori che ha possono essere i sintomi dell'artrite reumatoide?
Se ha l'artrite reumatoide nei raggi che ha fatto non risultava?
Gli hanno consigliato di fare le analisi del sangue "FATTURE REUMAOTIDE" è giusto fare questo tipo di analisi?
Sono molto preoccupata..
Grazie mille.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
premesso che la valutazione di un soggetto con poliartralgie (cioè con varie articolazioni doloranti) deve essere fatta necessariamente in maniera diretta, dagli elementi che riporta si può comunque ragionevolmente escludere l'artrite reumatoide (quadro clinico non compatibile, Rx del tutto negativa). La ricerca del fattore reumatoide non servirebbe a nulla, dal momento che non sono soddisfatti i criteri clinici. Di fatto non riferisce altri segni di infiammazione, il problema alla caviglia destra sembra di origine traumatica (che potrebbe aver provocato indirettamente anche il dolore alla sinistra (per variazione della postura e della deambulazione) così come potrebbe esserlo al dito (dato che fa il portiere a calcetto), e tutto il resto appare molto vago e occasionale.
Pertanto non mi allarmerei, tra l'altro immagino che il suo medico di medicina generale l'avrebbe inviata dallo specialista se avesse minimamente sospettato qualcosa di "anomalo". Se il problema persistesse, se si associassero altri segni di infiammazione alle articolazioni (gonfiore, rossore, calore, limitazione funzionale) e/o altri elementi di carattere generale (es. febbre/febbricola persistente o impegno di qualche organo) sarà ovviamente da rivalutare (l'artrite reumatoide è solo una delle tante malattie che possono interessare le articolazioni).
Saluti,