Utente 233XXX
Salve, un anno fa di questi tempi ho iniziato ad accusare dei fastidi alle mani col cambio di temperatura, sia passando dal caldo al freddo e viceversa. In particolare mi diventavano rossastre le mani gonfiandosi un po’ all’interno (palmo), con una sensazione di spaccatura alle radici delle dita. A volte si accompagnava una sensazione di gonfiore anche alla punta del naso (insieme al labbro superiore della bocca) o ad un orecchio. Il tutto per qualche minuto, non di più. In estate col caldo il fenomeno interessava solo qualche dito della mano, quando tenevo o toccavo per diversi secondi qualcosa di freddo: un po’ di rossore nella parte interessata e sensazione di prurito. Adesso con l’arrivo del freddo a volte si ripresentano i sintomi dell’anno scorso, più alle dita che al resto, associati a quel po’ di prurito che dicevo pocanzi. A volte me lo fa solo alle dita di una sola mano, anche a casa se mi trovo in una stanza più fredda.
Tre mesi fa mi ha visitato un vascolare e mi ha fatto ecodoppler alle gambe visto che lo scorso inverno ho avvertito dei piccoli disturbi alla safena della gamba sinistra, che mi ha riscontrato solo un insufficienza venosa cronica e mi ha prescritto Daflon 500 per 20 giorni. Tre settimane fa parlandone col mio otorino mi è stato detto come possibile causa il fenomeno di Raynaud.
Che ne pensa lei?

Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
la descrizione da lei fatta, non fa pensare al fenomeno di Raynaud, manca la presenza di dita fredde,pallide,cianotiche. Il rossore ed il prurito dopo un'esposizione al freddo, farebbero pensare maggiormente ad un episodio vasomotorio con vasodilatazione,lieve stasi e liberazione di istamina(sostanza che da prurito e contribuisce alla vasodilatazione). Di solito questi "segni" non sono localizzati solo alle dita,ma possono essere diffusi.Delle volte sono persone "predisposte", che presentano una maggiore sensibilità e liberazione di mediatori vasoattivi con conseguente rossore e prurito,ma senza evidenti fenomeni vasocostrittori ; del resto, non è soltanto localizzato alle dita ma anche in altri distretti corporei.Se il problema dovesse persistere e/o divenire più evidente sono consigliabili ulteriori accertamenti,sia emato-chimici ,sia strumentali.



Le invio cordiali saluti e rimango a sua disposizione.
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it

[#2] dopo  
Utente 233XXX

Caro dott. Pascucci la ringrazio innanzittutto per la sua delucidazione molto chiara che mi conferma in sostanza quello che mi è stato detto dal vascolare. Vorrei approfittare di lei ancora solo per chiederle se: potrebbe aver influito alla lunga il vaccino anti acaro che mensilmente faccio ormai dal dicembre 2005? E che negli ultimi anni mi è stata aggiunta anke della dose per graminace e paritaria, anke se da ultima visita annuale del mese scorso è rimasto nuovamente solo l'acaro ma avrei potuto sospendere anche quello. Inoltre, mi sono dimenticato di aggiungere la volta precedente, che da ultimi esami fatti sia a fine agosto sia a fine ottobre, il valore di protrombina è uguale a 1, quando il valore minimo dovrebbe essere invece non meno di due. Ultima cosa, il daflon datomi dal chirurgo vascolare (e che io non ho ancora preso) va bene?

Ancora cordiali saluti e grazie per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
parlando infatti di "soggetti" predisposti e di istamina, mi riferivo a problematiche di tipo immuno allergico e lei me ne ha dato la conferma. Il problema di base è appunto questo.Può chiedere al suo medico, se può assumere degli antiistaminici ,i quali possono alleviarle non solo il rossore,ma anche il prurito.Non bisogna farne absuo,naturalmente,ma prenderli solo quando i sintomi sono evidenti e fastidiosi.Ha eseguito di recente un dosaggio delle immunoglobuline? Ha altri sintomi legati ad esempio all'assunzione di cibi come formaggi,cioccolata ecc? Il daflon va bene se ha problemi venosi, ma non le risolve questa sintomatologia.

Cordialmente e rimango a sua disposizione.
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it

[#4] dopo  
Utente 233XXX

Gentile dott. Pascucci,
mi è stata iniettata il 19 dicembre la dose mensile x il vaccino antiacaro. Per quanto riguarda sintomi da alimenti tutto ok. Mentre per l'antiistaminico adesso che me ne ha fatto ricordare, l'otorino che è anche l'allergologo, 20 giorni fa mi prescrisse in effetti da prendere a bisogno "kestine lio" (se decifro bene la calligrafia!!).

La ringrazio ancora per la sua gentilezza e la saluto cordialmente.

[#5] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Segua il consiglio del suo medico, dovrebbe trovare beneficio con l'assunzione dell'antistaminco.Se dovessero continuare questi disturbi, chida eventualmente uleriori accertamenti.

La saluto cordialmente.
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it