Utente 233XXX
Quanto di seguito scritto riguarda mio genero di 40 anni, stessa provincia.
Il 31 dicembre ho febbre e si verifica sdoppiamento della vista, vengo ricoverato tutti,gli esami neurologici risultano ok. Nel frattento la vista ritorna normale.
Dalla risonanza con contrasto risulta pero' un ascesso tonsillare, quindi l'otorino e la virologa ordinano una cura antibiotica molto forte per circa un mese; non potendo risalire alla natura del problema, per 10 giorni via endovena in ospedale, ora a casa via orale, cura che sto ancora facendo.
L'otorino decide di fare una scentigrafia alla gola, ma il primario di medicina nucleare preferisce una Pet, considerandola piu completa. La Pet non evidenzia altri focolai ma una probabile infiammazione ai grossi vasi, vasculite.
La reumatologa rimane interdetta in quanto io sto bene, non ho al momento alcun sintomo di questa rara malattia e soprattutto gli esami del sangue specifici sono ok.
La dottoressa, sentito collega esperto di vasculiti e Pet, ha deciso di ordinarmi un ulteriore esame, l'angiotac, al fine di togliersi ogni dubbio.
Mi chiedo se la procedura sia quella corretta e se possa esserci stato un errore nella Pet.
grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Concordo con la condotta della collega reumatologa. L'esame proposto aiuterà a chiarire la situazione. Cordiali saluti.
Mauro Granata