Utente 250XXX
salve...ho mia madre di anni 58 che ha fatto un un diagnosi con risultati cosi: Lupus eritematoso Sistemico in overlap con Artrite Reumatoide (Rhupus). Cardiopatia Sclero-ipertensiva. Aterosclerosi. Iperomocisteinemia...cosa vuol dire in paroole semplici? E molto grave?? E cosa può provocare? (Da premettere che il Lupus ce la già da 29 anni e in più nel 2005 ha avuto un aneurisa celebrale) Ringrazio anticipatamente a tutti i dottori che risponderanno!!!

[#1] dopo  
Dr. Antonio Tamburello

24% attività
0% attualità
0% socialità
LEGNANO (MI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2012
Gentile Utente,
La cosiddetta "overlap syndrome" è una condizione in cui due malattie in qualche modo legate tra loro si associano e si sovrappongono.
La " sindrome ruphus" è una condizione in cui due malattie si associano e si sovrappongono; nel caso specifico di sua madre si è verificata la sovrapposizione di una artrite reumatoide su un preesistente LES.
Purtroppo il LES è una patologia sistemica ( può coinvolgere qualsiasi organo e apparato del nostro corpo) e come tale può risultare più o meno complessa la sua gestione terapeutica.
La sovrapposizione dell' artrite reumatoide necessita di un approccio terapeutico più complesso di quanto già non lo sia per il solo LES. Qualor la diagnosi fosse certa, sua madre potrebbe giovare di un trattamento con nuovo farmaco che potrebbe risultare efficace sia per il trattamento dell' artrite reumatoide sia anche per il LES.
Si rivolga ad un centro specialistico di reumatologia al fine di poter valutare il caso in questione.
Cordialità.
Dr. Antonio Tamburello

[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Bova

36% attività
8% attualità
12% socialità
DESENZANO DEL GARDA (BS)
LONIGO (VI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Il LES sistemico con l'Artrite Reumatoide richiede un approccio specialistico, come detto dal collega, per le sue complicazioni che possono interessare più organi e apparati. Nel caso specifico controllerei sua madre dall'aspetto cardiovascolare per la presenza di cardiopatia ipertensiva, iperomocisteinemia, aneurisma cerebrale.
Sono tre problemi che contribuiscono ad aumentare il rischio di infarto cerebrale e cardiaco. Per l'iperomocisteinemia esiste un farmaco adeguato che potrà assumere su consiglio cardiologico. La pressione arteriosa dovrà essere curata bene mantenendola il più possibile a valori medio/bassi (130/80). Se sono presenti altri fattori di rischio (diabete, dislipidemia, fumo....) andranno anchessi corretti. Ne parli anche col suo medico di famiglia.
Cordiali saluti.
Dr. Giuseppe Bova
Reumatologia, Nutrizionista, Omeopatia
www.giuseppebova.com
Desenzano del Garda (BS) Via Adua 1 tel. 0309141179