Utente 270XXX
Salve,mia madre 53 anni...dal mese di aprile ha iniziato ad accusare forti dolori al bacino,mani,braccia,ginocchia e piedi con rigidità muscolare e gonfiore,tutto questo si è presentato dopo una polmonite ospedaliera. Dopo varie visite il reumatologo le ha fatto eseguire la capillaroscopia alle mani,ecopowerdoppler alle giunture,e analisi del sangue. Le analisi del sangue sono tutte negative a parte la PCR un pò alta, la capillaroscopia ha evidenziato una micro emoraggia alle estremità della dita con edema,l'ecopowerdoppler ha riscontrato un' infiammazione della guaina dei tendini.Il medico in seguito a ciò le ha prescritto per una durata di 6 mesi questo farmaco idrossiclorochina solfato 200 insieme a cortisone a rilascio prolungato...questa cura ancora non ha un inizio perchè lei è un soggetto allergico e asmatico quindi c'è un pò di paura per la reazione.Quello che volevo sapere è se ci sono delle nalisi più specifiche per confermare un lupus o una malattia autoimmune....fino ad ora c'è solo un sospetto. Spero di essere stata abbastanza chiara Grazie .

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
il quadro clinico descritto è indicativo di un'artropatia, possibile manifestazione di autoimmunità sistemica (Lupus compreso): Lei non descrive però nessun altro carattere suggestivo, per cui risulta altamente improbabile che ci troviamo di fronte a una connettivite. Peraltro, l'ecografia ha rilevato "solo" una tendinite, non un interessamento articolare vero e proprio (almeno non in quel momento).
Per quanto concerne la terapia, il fatto di soffrire di asma allergico non costituisce controindicazione (anzi, tale condizione se ne gioverebbe); ma in assenza di una diagnosi chiara troverei più opportuno, prima di cominciare i farmaci, sentire una seconda opinione specialistica.
Saluti,

[#2] dopo  
Utente 270XXX

La ringrazio molto magari sentiremo un altro parere..la cura ha avuto inizio adesso sono solo 2 giorni...grazie ancora.