Utente cancellato
Gentile Dottore, sono un ragazzo di 23 anni. 2 anni fa ho iniziato a notare la comparsa di qualche capillare dilatato, delle micro telengiectasie, sia a livello delle mani, dorso e palmo (5-6) e anche 1-2 sul labbro. Leggendo online (e sbagliando), ho letto della sclerodermia. Ho eseguito ANA l'anno scorso (1:80 Punteggiato) ed ENA negativi, e quest' anno a distanza di 13 mesi, ANA stesso risultato. Il reumatologo dice che è troppo poco per sospettare qualcosa. Il freddo el'ansia mi rendono fredde le dita, ma le mani non mostrano cambi di colore; in parallelo ho anche una perenne lieve linfocitosi e il reumatologo sostiene che anche questa potrebbe giustificare gli ANA. Cosa ne pensa? Mi posso mettere tranquillo? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Gianluigi Palombi

20% attività
0% attualità
0% socialità
PIOMBINO (LI)
PORTOFERRAIO (LI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
Ha ragione il suo reumatologo. Un titolo degli ANA, molto basso (1:80), non giustifica certamente alcuna diagnosi, soprattutto se isolato, senza altri esami alterati ed elementi clinici di rilievo. I motivi della linfocitosi lieve possono essere molti, ma non necessariamente sono espressione di patologia, soprattutto se lieve. Non deve stare tranquillo, ma tranquillissimo. Conviene effettuare un controllo reumatologico una volta l'anno o nel caso si presentassero nuovi sintomi e/o segni che possano far presupporre una malattia del connettivo. Ma questa è ipotesi molto remota. Molti soggetti sani hanno gli ana positivi che, soprattutto se a basso titolo, non hanno alcun significato.
Dr. Gianluigi Palombi

[#2] dopo  
432090

dal 2017
Gentilissimo Dottore, grazie per la risposta.
Quindi la comparsa di capillari dilatati a livello della mani non li considera "elementi clinici di rilievo" e nemmeno la sofferenza al freddo di mani e piedi. Bene, sono contento!
Per la linfocitosi, ho eseguito tipizzazione linfocitaria, ed era ok.
La ringrazio.