Utente 501XXX
Sono una donna di 34 anni.
Da aprile scorso ho cominciato ad avere dolori ai gomiti in regione ulnare, rapidamente la cosa si è estesa fino a medio e indice, bilateralmente. Parestesie e formicolii che nel tempo si sono diffuse agli avambracci ed stanno salendo verso la spalla. Perdo forza, anche cose di un chilo mi pesano molto e non riesco sempre a fare pinze e prese, come ad esempio tenere un bicchiere o un foglio, sento fastidio e dolori alle mani. Ho anche una sensazione di stratta ai polsi. I primi accertamenti fatti (pess ed elettromiografia)non hanno dato esisto alcuno. La risonanza alla colonna cervicale eseguita in dicembre mi ha riscontrato artrosi alle vertebre c4-c6 e osteofitosi anteriore.
Il medico di base mi ha detto che non ci sono rimedi, ne farmaci che ne ritardino la progressione, e che questa patologia degerativa nel tempo mi farà molti dolori e dovrò sottopormi a cicli di infiltrazioni con cortisone.
In realtà questa patologia è già parecchio invalidante ora e sono piuttosto preoccupata per ciò che avverrà. Amavo praticare il coclismo e non riesco più a tenere la posizione delle mani sul manubrio, ho difficoltà a fare la spesa..
Ho sentito per vie traverse di una possibile sperimentazione a roma per rallentare l'artrosi ma non so dove rivolgermi ne se la notizia sia attendibile o se possa fare al caso mio. Esistono terapie che io possa fare a parte quelle antalgiche?
Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
intanto è importante e indispensabile fare la diagnosi.
Non posso ovviamente sbilanciarmi, non potendo nè visitarLa nè visionare con accortezza gli esami eseguiti.
Intanto Le consiglierei di eseguire una elettromiografia agli arti superiori. Il Suo disturbo potrebbe derivare da una banale compressione del nervo mediano al tunnel carpale (stando all'interessamento che riferisce del dito medio e dell'indice), ma anche a una altrettanto irritazione/compressione a livello cervicale all'emergenza delle radici che poi vanno a formare il nervo mediano.
Mi faccia saapere

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano