Utente 437XXX
Buon giorno
paziente 68 anni obesa cardiopatica bpco,5 ernie del disco 2 cervicali artrosi e reumatismi scoliosi grave, limitata deambulazione,no fumatrice ne'bevitrice'iprtensione.Terapia:triapliam,lasix,allopurinolo,(seractil dato dal cardiologo solo in casi di estremo dolore)ed una sospensione orale.Soglia del dolore elevatissima,sopporta all'inverosimile!!! Eseguito ecocolor doppler completo buoni risultati no complicazioni.Il reumatologo dopo accurata visita e febbricola prolungata per circa un mese ha dato cura per tre mesi(colchicina) poi interrompere una settimana per esami sangue(terapia ottimo effetto allarme sembrava rientrato interrotta cura per analisi a distanza di dieci giorni di nuovo stessi problemi):
questi i valori alterati
esame urine ph 7,5
colesterolo 222
trigliceridi 187
acido urico 9,1
potassio 3,2
pcr 28,20
rdw 16
mpv11,4
neutrofili 76
linfociti 17,8
monociti 3.8
neutrofili 6,90
ves 42
il medico di base dice di continuare con il farmaco per la gotta ,ma recenti studi a riguardo mettono in guardia sui possibili effetti collaterali pericolosi sia per i reni che per il fegato,scusi l'apprensione e l'ignoranza!Ci ha rassicurato dicendo che non sono analisi preoccupanti dando uno sguardo ad altri valori che se alti avrebbero certamente complicato la situazione.Cosa ne pensate?Anticipatamente ringrazio e mi scuso per la lungaggine del messaggio.Buon lavoro attendiamo notizie

[#1] dopo  
Dr. Marco Aurelio Tuveri

24% attività
4% attualità
4% socialità
ORISTANO (OR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
Gent.ma paziente,
la gotta è una malattia cronica, pertanto deve essere curata cronicamente. L'allopurinolo ( o in caso di intolleranza o inefficacia il Febuxostat ) deve essete preso a vita. Se si sospende l'allopurinolo l'uricemia risale e tutti i problemi della gotta si ripresentano.
Dalle sue analisi deduco che ( uricemia 9,1 ) Lei ha interroto la cura con l'allopurinolo oppure il dosaggio terapeutico e basso per Lei.
Nella mia esperienza trentennale nella cura della gotta con allopurinolo a giusto dosaggio, raramente ho visto effetti collaterali a livello epatico o renale (semmai i problemi ranali si verificano se la cura non si fa regolarmente, ad esempio calcoli renali). L'effetto collaterale che ho visto con maggior frequenza è la piastrinopenia.
Pertanto, sia per monitorare i livelli di uricemia sia per verificare eventuali effetti collaterali da terapia cronica, io nei pazienti gottosi consiglio di eseguire ogni 3-4 mesi controlli emato-chimici quali: emocromo completo, transaminasi, creatininemia ed uricemia.
In conclusione, quello che posso consigliare è di farsi seguire da specialista esperto in gotta.
Cordiali Saluti
MARCO AURELIO TUVERI

[#2] dopo  
Utente 437XXX

Non so davvero come ringraziarLa:preciso con risposte comprensibili e spiegazione esauriente,davvero preziosissimo!Complimenti e buon lavoro ancora grazie