Utente 109XXX
Buongiorno,
un mese fa ho appoggiato male il piede sinistro con conseguente caduta + distorsione in inversione (trauma distorsivo di II grado). Sul momento il dolore è stato forte ma senza creare alcun problema per la deambulazione, mentre la flessione del piede era dolorosa ma possibile. La caviglia si è gonfiata solo il giorno dopo, e avendo solo dolenzia alla flessione ho provveduto a fasciare la caviglia e ad applicargli qualche pomata antinfiammatoria. Dopo 10 giorni non presentavo alcun dolore ma la caviglia era ancora gonfia (edema perimalleolaere esterno) e mi reco al pronto soccorso dove mi consigliano di usare una cavigliera elastica che inizio subito ad usare ma in concomitanza all'uso della cavigliera è comparso un ematoma scuro a livello perimalleolare esterno associato ad un dolore sempre più forte, anche nella deambulazione, ma soprattutto nella flessione del piede, che non mi è più possibile sia per il dolore sia perchè nel compiere tale movimento la caviglia si blocca, come se fosse "incordata". Quando dopo 10 giorni ho tolto la cavigliera la caviglia era tornata gonfia come prima, allora ho eseguito una Rx negativa per fratture recenti ed una visita ortopedica dove i medici, pensando che fosse leso qualche legamento, mi hanno fasciato la caviglia in posizione "a martello" invitandomi a non sforzarla e a tenere l'arto in scarico per ridurre l'edema in attesa della risonanza magnetica. Tuttavia nonostante il riposo notavo un costante e progressivo peggioramento, la caviglia si è completamente bloccata, la benchè minima flessione è impossibile a causa della sensazione di una "grossa corda dura, tesa e dolorante" a livello del malleolo laterale anteriore. La situazione è un pò migliorata dopo averla sfasciata e avere ripreso un poco a deambulare, ma non riesco più ad appoggiare il peso sopra l'articolazione, ad andare in bicicletta, scendere le scale, saltare, salire in punta di piedi... Oggi eseguo la RM senza mdc ed il referto è stato: "si evidenzia:
- cospicuo versamento articolare con associata flogosi sinoviale
- tumefazione ed edema dei tessuti molli sottocutanei in sede perimalleolare esterna
- non segni di edema della spongiosa ossea
- legamenti PAA, PAP, PPC, deltoideo ed interosseo regolari
- normali le strutture tendinee associate.
La domanda è: si tratta di un'artrite post-traumatica? la caviglia prima era in ottima salute, e non ho una situazione di salute tale da far pensare all'innesco di una condizione di autoimmunità.
Che strada terapeutica si segue in questi casi?
E' necessario svolgere ulteriori esami?
E' meglio che prenoto una visita reumatologica od ortopedica?
La fisioterapia può essere associata alla terapia anti-infiammatoria oppure deve seguire la stessa?
La ringrazio in anticipo per una risposta.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Penso possa trattarsi di una sinovite reattiva post-traumatica. L'ortopedico mi sembra lo specialista più indicato. Prima di iniziare la fisioterapia è necessario porre una diagnosi precisa. Cordiali saluti.


Mauro Granata



Mauro Granata