Utente 168XXX
buongiorno.sono una donna di 48 anni.circa 8-9 anni fa ho avuto probl cardiaci attribuiti a endocardite reumatica..qualche anno dopo mi è stata diagnosticata artrite reumatoide.ho fatto le cure prescritte dal medico e dopo un anno la malattia sembra essersi 'ritirata'...da 3-4 anni non assumo più farmaci e non ho particolari sintomi(ultimamente non sono andata neanche più dal reumatologo).seguo comunque esami periodici del sangue:l'unica cosa è che il fattore reumatoide è sempre presente in conc. basse (nelle ultime era 0.9 U/l in un range di normalità 0.0-30 )..il medico di base mim dice che è una conc bassa abbastanza frequente nelle persone e non indicativa di malattia...mi è venuto qualche dubbio però:
è normale avere un riscontro positivo di fattore reumatoide?
ed è possibile che abbia avuto quell'episodio di artrite e che si sia momentaneamente o apparentemente fermata?
sarebbe il caso di rivolgermi nuovamente al reumatologo?
vi ringrazio dell'attenzione.
a proposito del vaccino influenzale..io sono costretta a farlo per i probl cardiaci..potrebbe amplificare l'artrite?

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Scavo

24% attività
0% attualità
16% socialità
ACIREALE (CT)
CATANIA (CT)
NICOLOSI (CT)
BRONTE (CT)
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile sig.ra,
il fattore reumatoide nel suo caso rientra in un range di normalità e non è per niente significativo, ha ragione il suo medico.
Riguardo alla sua precedente artrite potrebbe non essere stata una vera artrite reumatoide, raramente si guarisce, il più delle volte si può andare in remissione; nei casi di guarigione potrebbe trattarsi di forme reattive, ma non conoscendo bene il suo caso non è facile dare una valutazione certa.
Il vaccino antiinfluenzale da solo non fa sviluppare l'artrite ma in soggetti sensibili può creare un'attivazione del sistema immunitario mail più delle volte aspecifico e transitorio.
Cordialmente
Dr. Giuseppe Scavo