Utente 347XXX
Buon pomeriggio,
leggendo sul questo portale le spiegazioni esaurientissime già date in merito a questo fastidisissimo problema, mi sono senza dubbio tranquillizata, ma anche convinta a cercare di non entrare nel tunnel di inteventi chirurgici invasivi e non risolutivi.

Ho 42 anni, ex fumatrice, e da 1 anno esatto soffro di mastiti periduttali ricorrenti sia al seno desto che a quello sinistro.
Nel corso di 13 mesi, ho avuto 4 epidodi infiammatori abbastanza acuti, con febbre alta, fortisissmo dolore al capezzolo, che poi si estende a tutto il seno con arrossamento e dolore.
Tutti gli episodi flogistici sono stati curati con punture di rocefin (con tutti gli effetti collaterali del caso) e antinfiammatori tipo aulin.
Ad infiammazione terminata, sento comunque un area"dura" attorno ai capezzoli che non si riassorbe mai.

La mia domanda: qual è la risoluzione più consona a questo problema? Leggendo le storie di altre donne, vedo che a volte si percorrono degli iter allucinanti...ed è quello che vorrei evitare se possibile. Ma non posso nemmeno andare avanti così....

Vi prego , consigliatemi.

Cordiali saluti




[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Anche se l'esito finale di una mastite periduttale è simile, il trattamento delle fasi intermedie (prima della fistolizzazione ) varia da caso a caso.

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/mastite_periduttale.html

In via eccezionale mi mandi una mail con una foto al momento in cui l'arrossamento è circoscritto alla regione intorno all'areola.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com