Utente 372XXX
Buonasera, ho 28 e sono mamma di 2 bambini. Circa un mese fa praticando l'autopalpazione ho sentito una specie di pallina ben percepibile al tatto nel quadrante esterno superiore destro vicino al capezzolo. Su consiglio del medico curante ho subito fatto un'ecografia. L'ecografista ha constatato con visita manuale la presenza di qualcosa ma non riuscendo ad individuare niente con l'ecografo è giunto alla conclusione che si tratta di una ghiandola ingrossata e che non è necessario fare altre visite. A distanza di un mese però niente è cambiato. Vorrei sapere se posso fidarmi della diagnosi e non fare altri controlli e se, nel caso fosse davvero una ghiandola ingrossata, se è normale che non si sia ancora sgonfiata. Ringrazio anticipatamente chiunque vorrà rispondermi.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Per aggiungere un ulteriore contributo , comprenderà bene, che anche noi dovremmo avvalerci dell'esame clinico (=visita) e dell'ecografia.

Da quanto scrive pertanto se fosse una mia familiare la incoraggerei a stare tranquilla e non fare altro.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 372XXX

La ringrazio per la celere risposta! Sostanzialmente i miei dubbi riguardano il fatto che dopo un mese sia rimasto tutto immutato. Pensavo che la ghiandola si sarebbe sgonfiata più rapidamente. Per questo ho avuto dubbi sulla diagnosi. La ringrazio nuovamente, saluti.