Utente 385XXX
Buonasera, ho 34 anni, menarca a 12 anni, una gravidanza terminata con parto cesareo nel 2012 e conseguente allattamento al seno per circa 8 mesi (terminato giugno 2013).
Da Aprile scorso mi sono accorta di avere secrezioni spontanee bilaterali trovando nel reggiseno piccole scagliette di secrezione secca in qualunque momento della giornata. Sotto spremitura la secrezione appare di colore variabile con tendenza al bianco-giallo e in alcuni casi trasparente o con sangue.
Di seguito le indagini eseguite:

- Esami del sangue al 27 PM :
TSH 1.42 (VAL.RIF. 0.350-3.60)
PROLATTINA 285 (VAL.RIF. 99-455)

- Esami del sangue al 3 PM:
PROLATTINA 280 (VAL.RIF. 99-455)
ESTRADIOLO 45 (VAL.RIF. FASE FOLLICOLARE 20-125)
PROGESTERONE 0.40 (VAL.RIF.FASE FOLLICOLARE <1.0)

- ECOGRAFIA MAMMARIA BILATERALE al 10 PM:

Alla visita senologica non si apprezzano lesioni sospette. Secrezione lattiginosa pluriorifiziale bilaterale. Prolattinemia nella norma. La struttura mammaria è fibroghiandolare. Bilateralmente non si evidenziano formazioni nodulari solide o liquide. Nei Q5 d’ambo i lati si rilevano alcuni dotti galattofori a contenuto denso, del calibro massimo fino ai 3 mm. A livello di entrambi i cavi ascellari si rilevano linfonodi di morfologia e dimensioni nei limiti di norma.


- ESAME CITOLOGICO SECREZIONE al 1PM:
Secrezione lattescente sierosa pluriorifiziale bilaterale.
Microscopica: istiociti, rare emazie, rare cellule duttali
Giudizio diagnostico: quadro citologico negativo per cellule neoplastiche.

- VISITA SENOLOGICA

Dilatazione dotti retroareolari. Non nodi palpabili, non adenopatie ascellari; secrezione bilaterale per spremitura e multiorifiziale bianco-giallastra. Si consigliano controlli clinico-ecografici annuali e ripetizione es.citologico in caso di comparsa di secrezione ematica.


Il mio ginecologo vorrebbe farmi eseguire una galattografia per sospetto papilloma mentre il senologo (ultima visita) non avendo trovato sangue alla spremitura (nonostante lo avessi riferito in alcuni casi e nonostante fossero presenti emazie dalla microscopica citologica) mi ha detto che il problema me lo tengo senza nessun’altra spiegazione nè diagnosi.

Volevo a questo punto avere da voi un parere per quanto possibile con i dati riportati e qualche spiegazione che plachi la mia preoccupazione a riguardo.

Vi ringrazio anticipatamente per l’attenzione e la disponibilità

[#1] dopo  
Dr.ssa Veronica Barra

24% attività
0% attualità
0% socialità
TIVOLI (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2014
buon giorno.
da quanto letto mi sembra siano stati eseguiti tutti gli esami e le vistie necessarie; il tutto ha dato un esito negativo.
La secrezione, lattescente o biancastra o trasparente, con esame citologico negativo è sufficientemente di garanzia per non effettuare ulteriori accertamenti.
La galattografia è un esame che prevede l'opacizzazione, tramite mezzo di contrasto, del dotto secernente al fine di verificare la eventuale presenza di papillomi inraduttali. Questa procedura normalmente si richede in caso di secrezione ematica ( la secrezione deve essere presente al momento dell'esame per poter incannulare il dotto corretto e deve essere in quantità tale da poter agevolare la procedura, quindi non nel suo caso specifico) e non lattescente come da Lei riferito. In conclusione concordo con il collega circa la non necessità di effettuare tale procedura.
Dr.ssa Veronica Barra

[#2] dopo  
Utente 385XXX

Buongiorno Dottoressa,
innanzitutto grazie mille per la Sua celere risposta.
In realtà talvolta esce anche sangue, anche se in maniera evidente ciò accade meno frequentemente della secrezione bianca e gialla (perenne). Anche il citologico ha rilevato la presenza di emazie. Posso stare tranquilla anche in questo caso?
Approfitto ancora della Sua gentilezza per chiedere se dovrò continuare a convivere con questo disagio (e spesso dolore) e soprattutto da cosa può essere provocato dal momento che anche la prolattina risulta nel range. Mi scusi per le ulteriori domande ma vorrei cercare una nuova gravidanza e vorrei farlo serenamente.
Grazie per la Sua disponibilità

[#3] dopo  
Dr.ssa Veronica Barra

24% attività
0% attualità
0% socialità
TIVOLI (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2014
innanzitutto non vada a stimolare la secrezione, perchè i dotti, per loro natura, secernono ( sono gli stessi dai quali esce il latte durante l'allattamento). Consideri che il diametro di un dotto è molto molto piccolo e se esiste una condizione di dotti promininenti, come segnalato all'esame ecografico che ha eseguito, e lei esegue una stimolazione continua e quotidiana alla ricerca di una secrezione, quella verrà sempre!

quindi il consiglio è: - lasci stare i suoi dotti. - verifichi solo se eseiste una secrezione ( verdastra, ematica...) SPONTANEA - pensi pure a programmare tranquillamente una gravidanza senza altri pensieri.


Dr.ssa Veronica Barra

[#4] dopo  
Utente 385XXX

Assolutamente dottoressa, personalmente ho provocato solo una volta la secrezione perchè avevo molto dolore e delle gnocchette al tatto, tutte le altre volte (3 in tutto) è stato eseguito da un medico e per indagini. Io le parlavo solo delle secrezioni spontanee che trovo nel reggiseno o sul capezzolo.
Farò comunque come mi consiglia Lei per le secrezioni e intanto cercherò tranquillamente una gravidanza.
grazie ancora per la disponibilità