Utente 387XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni e da qualche mese, circa due, ho notato dei cambiamenti al seno, a cui non ho dato importanza presa dallo studio. Verso Maggio ho cominciato ad avere prurito al capezzolo/areola, in seguito ho avvertito delle fitte al seno sinistro, dall'esterno verso l'interno. Sullo stesso capezzolo si è presentato un ciccetto di carne che strusciando sul reggiseno mi dava fastidio, poi è sparito e il capezzolo ha cominciato ad introflettersi. Verso fine Luglio ho sentito le stesse fitte al seno sinistro e il capezzolo comincia a rientrare. Ora presento entrambi i capezzoli in dentro e rossi come se fossero irritati, lesi (di più il sinistro). Inoltre l'areola presenta dei puntini bianchi molto piccoli, che fuoriescono, ma non sono liquidi, sono consistenti. Il prurito è durato non più di un mese; quando faccio la doccia sembra che i capezzoli perdono pezzetti di pelle (squamazione?).Tra qualche giorno farò l'ecografia mammaria, ma essendo ansiosa non trovo la concentrazione per lo studio, vorrei capire di cosa può trattarsi prima di far vedere il risultato alla ginecologa, la quale mi ha detto che sembra non ci siano noduli al tatto.
Soffro di un leggero ipertiroidismo, che tengo sotto controllo con periodiche analisi, ma non prendo medicinali.
Sono consapevole che un consulto on line non può sostituire una visita, ma ringrazio per qualsiasi opinione, sperando riesca a diminuire la mia ansia.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ovviamente il consulto virtuale non può sostituire la visita ma ha descritto molte ragioni che mi autorizzano a tranquillizzarla in attesa della verifica reale.

Ora torni a concentrarsi per lo studio con ASSOLUTA serenità (^___^)

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 387XXX

La ringrazio molto per la sua risposta.
Nonostante l'ecografia e il "non hai niente" della ginecologa (mi ha liquidato così), non rimango tranquilla.
I risultati dicono "mammelle con tessuto ghiandolare a prevalenza fibroghiandolare con discreta adenodisplasia fibrocistica (che non so cosa sia); sono presenti alcuni linfonodi pericentimetrici con caratteri della linfoadenopatia reattivo infiammatoria".
Tra due giorni termino la cura con Fortilase (che dovevo prendere per 10 giorni).
Mi è stato detto che i dolori sono legati alla fare premestruale, si infatti mi si gonfia il seno, ma le fitte che ho avvertito (e che ogni tanto si fanno risentire al capezzolo SN) non sono le stesse e non erano in concomitanza della mestruazione.
Il capezzolo DS non è variato, non è molto introflesso come invece il SN che continua ad essere rosso. Inoltre ci sono quei pezzettini bianchi che continuano a spuntare sull'areola, e i bozzetti sull'areola (Tubercoli di Montgomery se non erro) sono più gonfi del solito.
Nel frattempo applicherò olio di mandorle come mi è stato suggerito; avere un capezzolo in dentro a 25 anni non mi aiuta neanche psicologicamente nell'intimità con il mio ragazzo.
Stavo pensando di sentire il parere di un altro ginecologo e di un dermatologo, oppure sarebbe più appropriato un senologo?

La ringrazio in anticipo per qualsiasi parere.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Senologo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com