Utente 434XXX
Salve,

A inizio novembre mi sono sottoposta ad ecografia senologica, in seguito alla quale è stata rilevata una zona di adenosi di 13 mm al seno sinistro nella regione equatoriale esterna.

Sotto indicazione del medico ho ripetuto l'ecografia dopo due mesi (la scorsa settimana) ottenendo la stessa diagnosi. Il medico mi ha detto di stare tranquilla e di ripetere il controllo a 12 mesi, ma di notare e riferire eventuali cambiamenti.

In seguito alla visita ho iniziato a riportare fastidio al seno in questione. Essendo passati solo pochi giorni dall'ecografia, mi chiedo se tale sintomo possa realmente essere riconducibile ad un aggravamento della situazione. Non credo comunque sia un fastidio imputabile al ciclo mestruale, in quanto sono adesso agli ultimi giorni di mestruazioni.

Ho appreso leggendo altri consulti che l'adenosi richiederebbe una diagnosi istologica, e non avendo effettuato nessun esame del genere, sono preoccupata. Trovandomi all'estero fino a fine febbraio, vorrei sapere se dato il referto ecografico e il successivo fastidio al seno aspettare fino al mio rientro per eventuali altri accertamenti sia appropriato, o se è necessario agire prima.

Vi ringrazio per le informazioni che potrete darmi.

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto scrive starei tranquilla è comunque è vero che ADENOSI è una diagnosi istologica.
A febbraio se persiste la sintomatologia, che comunque non è preoccupante, ripeterei comunque la visita senologica

Tanti
saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com