Utente 335XXX
Buongiorno cari dottori, vi scrivo perché ho un dubbio che non riesco a risolvere e di conseguenza neanche a cercare la giusta soluzione: anche se sono già andato dal mio medico, mi vergognavo ad approfondire la cosa, pertanto mi sono solamente accontentato del minimo sindacale domandandogli semplicemente cosa avessi al seno dato che, nella parte del capezzolo, oltre ad avere una caratteristica a punta, c'è appunto questo tessuto in eccesso rispetto ad un normale seno: la risposta fu che non c'è niente e che sarei dovuto scendere di 4/5 kg anche se il problema non si sarebbe totalmente risolto e di fatto così è stato quindi credo non ci sia ginecomastia altrimenti mi avrebbe risposto diversamente, io non ho domandato per vergogna. Sono sceso ormai di 15 kg e sto andando in palestra da 8 mesi, i risultati si vedono ma per colpa di questo difetto, il petto è meno armonico rispetto al corpo, una cosa non gravissima, perché trova soluzione con la stimolazione del capezzolo: quando il capezzolo è estroflesso è tutto più normale per poi tornare come prima quando il capezzolo è introflesso. Premetto che da piccolo ero obeso, e per quel ricordo, nacque tutto li, poi numerosi dimagrimento e poi "ingrossamento" e adesso ho raggiunto un equilibrio ma con questo problema esistente. Noto che il problema ti tessuto in eccesso si estende della parte laterale del petto minormente rispetto all'area del capezzolo, ripeto, che si riduce con l'estroflessione del capezzolo.
Chiedevo se si trattasse di ginecomastia vera, grasso in eccesso o pelle in eccesso e se, magari, qualora fosse grasso o pelle, mi possano essere aiuto crema o medicinali specigici... Per la.ginecomastia vera ho visto che vendono antiestrogeni e senza bisogno di ricetta... Se fosse ginecomastia potrei provarli?

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
No per tante ragioni in assenza di una diagnosi non proverei.

Purtroppo la diagnosi di ginecomastia si fa con la visita ed eventuale ecografia

Proverei a convincere il curante a fare una ecografia e se occorresse una visita endocrinologica.

Legga
https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/73-mammella-maschile-ginecomastia-carcinoma-patologia-mammaria.html

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 335XXX

Buonasera dottore, intanto la ringrazio e le porgo una nuova domanda: alcuni che vengono in palestra con me, prendono degli antiestrogeni a giorni sfalsati e per periodi brevi (1 mese circa) per avere delle prestazioni superiori: per quanto detto, e solo a titolo informativo, se assumessi degli antiestrogeni, quali potrebbe essere gli effetti collaterali? Grazie anticipatamente.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ovviamente non Le rispondo per una richiesta su principi attivi che comunque sarebbero dannosi per Lei per le indicazioni che descrive.
Vietatissimo da tutte le linee guida.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com