Utente 132XXX
Salve dottori.
Ho 39 anni, normopeso, non fumo, non prendo contraccettivi e non ho avuto gravidanze.
Vivo a Londra da alcuni anni per lavoro.
La settimana scorsa, a seguito di autopalpazione che effettuo regolarmente, ho riscontrato un possibile nodulo (piccolo, definito e mobile) e sono andata dal medico di base per accertamenti. La dott.ssa ha confermato la presenza di quella che ha definito una piccola ciste nella sezione centrale superiore del seno sinistro e mi ha prescritto controllo specialistico avvenuto oggi.
Nonostante le rassicurazioni da parte del medico di base (riferite alla morfologia del nodulo) ho iniziato a preoccuparmi tantissimo e a fare ricerche compulsive, oltre che a toccarmi ripetutamente il seno, tanto da trovare un secondo nodulo tra il seno e l'ascella.
Oggi al controllo specialistico il senologo ha accertato la presenza di due noduli benigni, uno nella parte superiore centrale, l'altro nella parte alta sinistra, entrambi nel seno sinistro. Al momento della radiografia, la radiologa, accertati i due noduli (piccoli, mobili e dai contorni definiti) ha detto che era presente una lesione (variazione tessuto mammario) e che voleva fare una agobiopsia.
Io mi sono un po' allarmata e chiesto il motivo (In Inghilterra hanno un approccio molto diretto e pragmatico, oltre che indelicato e sbrigativo). Lei ha detto che la lesione puo' essere dovuta a 100 cause diverse, sia benigne che maligne, e che l'agobiopsia leva ogni dubbio. Loro la eseguono per prassi. Ho chiesto consulto alla mia ginecologa di fiducia in Italia che mi ha detto che prima della agobiopsia (e della invasivita' e cicatrice che mi lascerebbe) ci sono altri esami, come l'ago aspirato, piu' adatti a una persona della mia eta'.
Dopo aver parlato col senologo e avere firmato una liberatoria, mi hanno dato appuntamento fra tre mesi. Lui non si e' sbilanciato. Conferma che i noduli hanno le caratteristiche di noduli benigni ma per darmi la certezza mi suggerisce l'esame. Altrimenti la visita fra 3 mesi.
Ovviamente io non aspettero' tanto e vorrei fare una visita in Italia, anche privatamente perche vorrei farla al piu' presto, entro pochi giorni.

1. Voi cosa ne pensate? Dovrei fare l'agobiopsia o effettuare un altro controllo?
2. Conoscete un centro, anche privato, affidabile a Milano dove possa effettuare una visita a giorni?
3. Potrei anche andare a Catania all'Humanitas, essendo di Siracusa.

Grazie. A breve, quando mi arriveranno a casa, posso inviarvi i risultati dell'ecografia a ultrasuoni.

A completamento, volevo dirvi che percepisco dolore non forte alla pressione del seno e della parte con il nodulo, ho effettuato ecografia nel primo giorno delle mestruazioni, sento a volte bruciore sotto l'ascella e, non so se e' rilevante, prurito sulla schiena e alle braccia, e a volte in tutto il corpo. Sono un soggetto iper ansioso che e' stato sotto terapia per ansia generalizzata, quindi sono nel panico totale.

Grazie mille per il vostro aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
"che prima della agobiopsia (e della invasivita' e cicatrice che mi lascerebbe) ci sono altri esami, come l'ago aspirato, piu' adatti a una persona della mia eta'.

Mah !!! Che vuol dire ???????
https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/70-agobiopsia-mammella.html

L'atteggiamento dei colleghi pragmatico e sbrigativo ha fatto scoppiare una tempesta di ansia in un bicchiere d'acqua.

L'esame cito-istologico o per aspirazione o senza aspirazione e' un esame routinario.
L'attegiamento dei colleghi sulle indicazioni e' CORRETTO.
in assenza di una diagnosi ddi benignita' certa.

Faccia con serenita' l'agobiopsia che dipanera' ogni dubbio, anche se da quanto descrive stiamo parlando di LESIONI BENIGNE, probabilmente fibroadenomi

Tanti SALUTI
Salvo Catania

Tanti saluti
Salvo Catani
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 132XXX

Grazie mille dottore per la sua celere risposta.
Mi chiedevo solo se fossero esami tra loro comparabili, o se uno e' piu' sicuro dell'altro, per indagare una lesione di tessuto (come definita dalla radiologa), con nodulo probabilmente benigno,
Inoltre, si tratta di esame indolore con anestesia giusto che non lascia alcun segno?
Grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E' un esame ben tollerato se non e' preceduto da confronti reali o virtuali con altri pazienti che l'hanno fatto e che finiscono per incrementare il livello di ansia.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com