Utente 478XXX
Gentilissimi dottori,

ho ritirato oggi il referto di un'agobiopsia consigliatami a seguito di un'ecografia che aveva riscontrato «multiple formazioni ipoecogene bilateralmente (5 a sinistra e 1 a destra), le maggiori in sede periareolare interna sinistra di circa 20 mm. Una di esse, in quest'ultima sede, presenta profili policiclici e alcuni spot calcifici nel contesto.
Quanto descritto a sinistra presenta alcuni elementi di dubbio diagnostico (BIRADS 4a).»

Di seguito il referto anatomopatologico:
MACROSCOPICA
Frustoli della lunghezza complessiva di circa cm 0,7.
DIAGNOSI
Frustoli di parenchima mammario con fibroadenosi/fibroadenoma.
Categoria diagnostica secondo Linee Guida Europee: B2 (lesione benigna).

Chiaramente ho tirato un sospiro di sollievo, ma mi resta qualche dubbio che spero vorrete risolvere.

Al momento della biopsia, il medico ha avuto difficoltà a prelevare i campioni a causa della mobilità del nodulo.
Se non è stato prelevato materiale in corrispondenza delle calcificazioni, il risultato dell'esame patologico ne risente? Ovvero, sarebbe necessario esaminare le calcificazioni presenti nel nodulo per escluderne definitivamente la natura maligna?

Che controlli è consigliabile eseguire, e a distanza di quanto tempo, alla luce di questi risultati?

Mi permetto ancora un'ultima domanda: mi è stata prescritta, per la cura di una spondiloartrite sieronegativa, la ciclosporina; ho però letto che questo medicinale è sconsigliato in pazienti con fibroadenomi, in quanto potrebbe incidere sulla loro crescita. Me lo confermate oppure posso assumerla senza incorrere in questa complicanza?

Vi ringrazio sentitamente e Vi auguro buon lavoro.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
La sua preoccupazione e' eccessiva per una lesione benigna e starei tranquilla anche per la terapia

Legga perche'
https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/68-fibroadenoma-devo-operare.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 478XXX

Grazie Dottor Catania per i suoi interventi sempre rassicuranti.

Dunque basterà monitorare la situazione con cadenza annuale - o più frequente?

Di nuovo La ringrazio, buon lavoro!