ciclo  
Utente 378XXX
Buongiorno,
Sono una donna di 39 anni e da 3 mesi in corrispondenza della comparsa del ciclo ( regolare e senza l'assunzione di pillola anticoncezionale ) mi spuntano sotto le ascelle dei bozzi dolorosi ( come se si gonfiassero le ghiandole, a volte solo un bozzo mentre a volte più di uno non necessariamente nella stessa ascella e non necessariamente in tutte e due contemporaneamente) che con il progredire del ciclo mestruale regrediscono senza lasciare traccia .
Alla palpazione i seni non mi sembrano presentare noduli o fastidi se non il fastidio ciclico legato al periodo mestruale.
Sono stata dal mio medico curante, purtroppo appena cambiato , ma oltre a non comprenderci molto bene per differenza di lingua ( è straniero) non ha nemmeno provato a visitare la zona ed eventualmente toccare il rigonfiamento per poter formulare delle ipotesi .Mi ha prescritto degli esami del sangue ( triodotironnina/tiroxina/tiretropina/emocromo/ves/glicemia /gamma gt/uricemia/creatinina e colesterolo ) che farò ma ahimè non è scattata la fiducia.
Per un problema di questo tipo a quale specialista posso rivolgermi x far vedere questi esami del sangue ? Sono mirati x questo problema? Poiché è ciclico e x 3 volte si è risolto da solo può essere solo una questione ormonale o anche qualcosa di più serio ( quando si parla di rigonfiamenti ascellari si tira sempre in ballo il tumore al seno quindi sono un po' spaventata)? Farò sicuramente richiesta di cambiare medico ma ho paura che la cosa vada x le lunghe ... vorrei fare questi esami ma nel frattempo non vorrei che fossero totalmente fuori strada e dover successivamente ripartire da capo .
Ringrazio in anticipo x i consigli

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non sono necessari esami ma solo una visita senologica che la rassicurera' del tutto perche' da quanto descrive non c'e' nulla di sospetto in senso oncologico.
Ad esempio con la visita e' possibile verificare se in quella sede c'e' del tessuto ghiandolare ectopico che risponde agli ormoni esattamente come accade a quello della mammella.

Saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com