Utente
Per il dottor Salvo Catania...
Buonasera dottore...riassumo brevemente la mia situazione...
L'anno scorso mi è stato diagnosticato un carcinoma duttale in situ non ancora trattato per una serie di situazioni che non sto a spiegare per non dilungarmi troppo...
Ho cambiato ospedale in quanto non mi sono trovata bene nel primo dove sono stata seguita inizialmente e tramite una conoscente sono arrivata a consultare un chirurgo senologo molto bravo che opera in un altra struttura, in una breast unit della mia città...
Ho già fatto visita da lui e mi ha già tracciato il percorso da fare...ovviamente (siccome è passato anche un po di tempo) mi ha rifatto fare tutti gli esami da capo...oggi ho fatto ecografia e mammografia mammaria, domani ho la risonanza al seno e poi dovrò fare anche un TAC total body e una scintigrafia ossea...
La mia prima domanda è: siccome sono molto informata riguardo al mio tipo di tumore, e questo anche grazie a lei che ha sempre "tranquillizzato " abbastanza riguardo a questo tumore (ho letto diversi suoi interventi dove spiegava che se fosse per lei eliminerebbe la parola carcinoma in quanto non è nemmeno un vero cancro e che potrebbe, anche se ovviamente non c'è certezza, rimanere lì per sempre senza creare problemi...cosa che però il mio medico non pensa) quante possibilità ci sono che ci siano già metastasi diffuse nel corpo?
la dottoressa mi ha detto che è cmq improbabile ma può succedere...
La seconda domanda è che durante l'ecografia la dottoressa ha trovato un linfonodo ingrossato proprio sotto l'ascella del seno malato...mi ha detto che potrebbe essere solo reattivo, ma siccome non c'è certezza che non sia già una metastasi, mi farà fare una biopsia... Mi ha detto che cmq dovrebbe essere ancora tutto li, confinato ai dotti...ma ora questo linfonodo ingrossato mi preoccupa un po (per le eventuali terapie ovviamente)... Lei cosa ne pensa?

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto descrive non condivido tutte le incertezze che le hanno trasmesso e mi sembrano eccessive tutte queste perplessità.. Ad esempio è moooolto probabile che il linfonodo sia reattivo !
Se desidera un approfondimento ( e quando le rispondero' glielo comunichero' anche qui)
Le rispondero’ senz’altro, ma dovrebbe ripostare con il copia incolla sul link che le allego di seguito perche’ per comprendere meglio la mia replica potrebbe rendersi necessario allegare qualche immagine (qui non e’ consentito).

Questo e’ il link dove ripostare

https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-17180.html

La pagina si aggiorna continuamente per l’arrivo di altri commenti. Se guarda in fondo alla pagina ,e se ha fatto il login, si apre una finestra dove potra’ postare il copia incolla.
Ripeta tra i dati eta’ ed esito di visite o esami strumentali e se ha una familiarita’ per tumore al seno ed ovaio.
Deve presentarsi (obbligatorio) con un nome anche di fantasia se lo desidera va benissimo.
OBBLIGATORIO PRESENTARSI CON UN NOME ANCHE DI FANTASIA. Lo ripeto due volte mi raccomando.

L’aspettiamo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com