Utente 234XXX
Buongiorno,
ho acquistato de circa un mese un apparato chiamato Pompa a vuoto, con cui sto praticando ogni giorno e mi sta provocando delle erezioni di ottima qualità puntualmente. Io sono affetto da disfunzione erettile, dovuta secondo un consulto psichiatrico a motiviazioni legate con lo stress e l'ansia derivanti dal mio lavoro.
Sto notando un beneficio, e la settimana scorsa ho avuto un'erezione spontanea senza usare l'aparato che mi ha permesso di portare a termine un rapporto sessuale senza i rituali e frustranti problemi.
Ho bisogno di sapere se - per la Vs esperienza - per quanto tempo è possibile utilizzare questo tipo di dispositivi. Sono motivato a continuare cosí, ma non vorrei esagerare e farmi male.

Ringrazio anticipatamente,
PS: il prodotto che ho comprato ha un motore elettrico, queste sono le specifiche: http://www.andromedical.com/it/prodotti/pompa-a-vuoto-per-il-pene/

[#1] dopo  
Caro signore,
dubito che quel coso autoprescritto abbia funzionalità terapeutica, tranne che per le tasche dei venditori, ovviamente. Senta un collega dal vivo che farà diagnosi di natura del problema e le darà terapia più congrua.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 234XXX

Grazie Mille Dr. Cavallini per il gentile riscontro.
ha ragione, questo tipo di problemi vanno seguiti con supporto medico (cose che ho fatto e senzaltro tornerò a fare). diciamo che nel frattempo, questo strumento funge un po' da pillola blu... con le ovvie differenze (e l'autoprescrizione.
Ringrazio ancora,
Cordiali saluti,

[#3] dopo  
Meglio, che non è che sino del tutto innocue quelle pompe tanto è che sono cadute nel dimenticatoio, anzi ce le abbiamo messe.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#4] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
la mia esperienza è diversa: con le giuste indicazioni le pompe a vuoto, o vacuum, funzionano, ed hanno tra i vantaggi di non essere farmaci nè di essere invasive.
Concordo peraltro con il Collega nel raccomandare una supervisione medica, nello specifico andrologica.
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2000
caro lettore,

sull'uso delle pompe "a vuoto" esiste una lunga discussione da oltre un ventennio.
Sono nate negli USA come modalità "terapeutica" che poteva far avere una tumescenza "accettabile" a pazienti talmente "mal messi" o che non potevano sottoporsi ad impianti protesici endocavernosi ( le protesi. qualche informazione su www.andrologia.roma.net) o che rifiutavano o non potevano effettuare le iniezioni intracavernose.
nella mia quasi 40 ennale esperienza non ho mai visto un paziente utilizzare con piacere tali sistemi se non per 2-3 volte (anche per giustificare le spese) anche se li ho proposti in passato molto spesso.
Negli ultimi anni tali pompe sono state "spinte" ( dalla medicina o dall'industria ??) come modalità per mantenere "vivace" la circolazione cavernosa dopo chirurgia del pene o della prostata.
Personalmente, in alcuni casi di chirurgia di placca ho ritenuto utile per i pazienti fare questa specie di "ginnastica peniena" per 1-2 mesi dopo la chirurgia. I risultati sembrano buoni anche per mantenere vivace il desiderio del paziente ad avere rapporti sessuali.
Credo che se il paziente pensa di avere risultati tali da consentirgli di avere rapporti sessuali ci siano modalità più concrete e semplici
veda www.erezione.org
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org