Utente 179XXX
Buongiorno, ho 35 anni ed a seguito visita manuali da parte di un urologo (senza quindi ecografia) mi è stato diagnosticato uno spermatocele, problema che ho ormai da 4 anni. Mi è stato prescritto solamente un antinfiammatorio da usare nei casi di necessità. (toradol)
Di seguito le MANIFESTAZIONI: piccolo rigonfiamento di natura idrica al tatto su parte alta del testicolo destro (zona epididimo) di circa 1-2 cm, che si manifesta soprattutto quando:
- sono seduto a lungo con gambe strette,
- prima/dopo i rapporti sessuali e nel momento di maggiore afflusso sanguigno nel pene
- in presenza di elevato stimolo urinario
- in tutti gli altri casi in cui la pelle scrotale non è rilassata
- scompare invece (quasi del tutto anche al tatto) quando sono in piedi, quando cammino e in tutti i casi in cui il sacco scrotale è rilassato.

Questi i miei SINTOMI:
- punta di dolore/fastidio cronico NON DURATURO (assenti quando sono in piedi,quando cammino o quando la sacca scrotale è rilassata) a livello del testicolo destro in linea retta fino alla fascia inguinale, dove è piu accentuato e si sente maggiormente se premo con la mano proprio l'inguine, come se i muscoli fossero indolensiti da un precedente grosso sforzo fisico
- prurito nella zona del rigonfiamento testicolare interessata con pelle squamata
- senso di trasudazione interna e senso di calore
- il testicolo dx si presenta piu grande del sx, come da sempre avuto.

Vorrei una risposta alle singole seguenti domande, seguendo l'ordine numerico:
1 - Lo spermatocele puo causare infertilità? E' la cosa che piu mi allarma al momento, visto che l'anno prox dovrò sposarmi e non mi vorrei ritrovare con tale problema.
2 - Può ingrossarsi col passare degli anni?
3 - E' necessaria un'operazione per risolvere definitivamente il problema? L'urologo mi ha anche detto che tale patologia va asciugandosi con l'avanzare dell'età, ed inoltre una vita sessuale piu intensa potrebbe alleviare il problema. Che ne pensa?

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
le cisti spermatiche possono teoricamente influire sulla fertilità quando sono voluminose e soprattutto bilaterali. Nel suo caso (posto che la diagnosi fosse confermata) la riterrei una circostanza poco verosimile. D'ogni modo, se vuole conoscere la sua fertilità TEORICA, è sufficiente eseguire un esame del liquido seminale (spermiogramma). Le cisti spermatiche possono andare incontro a progressivo ingrossamento in tempi comunque molto lunghi, in questo si differenziano dal più comune idrocele. Una volta posta la diagnosi di certezza, ed una semplice ecografia è più che sufficiente, le indicazioni chirurgiche dipendono esclusivamente dal fastidio provocato dalla cisti. Non vi è alcuna indicazione ad intervenire su cisti anche voluminose che non danno problemi, mentre talora si interviene su cisti sintomatiche anche abbastanza piccole. Si tratta comunque di interventi assolutamente banali, perlopiù eseguiti in ricovero diurno.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 179XXX

gentile dottore, ho chiesto di fare una ecografia ma il medico mi ha detto che era assolutamente non necessaria.
E' vero chelo spermatocele va asciugandosi con l'avanzare dell'età, ed inoltre una vita sessuale piu intensa potrebbe alleviare il problema? (non le nascondo che dopo un rapporto sessuale, sento come una sensazione di sgonfiamento, ed in piedi il rigonfiamento è quasi del tutto assente) .
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
sinceramente, di questo miglioramento delle cisti spermatiche con l'età e l'attività sessuale in trent'anni di attività non ne avevo mai sentito parlare, ma - é noto - non si finisce mai di imparare ... D'ogni modo pochi giorni fa ricordo di aver asportato una cisti di almeno dieci centimetri ad un sessantenne.
Per quanto riguarda l'ecografia, le indicazioni dipendono essenzialmente dall'entità dei disturbi, ovviamente nessuno specialista proporrebbe l'indagine per cisti rilevate occasionalmente alla visita. Altra cosa é se il paziente si presenta lamentandosi di qualche dolore che si immagina potrebbe essere eliminato con l'asportazione chirurgica.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 179XXX

Nel mio caso la cisti è di 2-3 cm , ma vorrei capire se l'aumento di dimensione è solo probabile o è una cosa certa con l'avanzare dell'eta.
Ovviamente parlando di una cisti di 10 cm mi ha molto impressionato la cosa.
Grazie ancora.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
non é il caso di impressionarsi, due o dieci centimetri, l'asportazione di una cisti spermatica resta sempre un intervento assolutamente banale. In medicina le certezze non sono previste ... comunque con i lievi ma continui traumi, almeno nella mia esperienza, le cisti possono crescere lentamente.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing