Utente 285XXX
Buon giorno,
ho 37 anni e da diverso tempo ho il testicolo destro piu' alto e che tende a salire,soprattutto se lo scroto è contratto.
Diverse volte nel corso degli anni ho avuto qualche dolore lieve ma persistente e circa 6 annni fa ho effettuato ua ecografia e una visita urologica.
Eco:Testicolo in sede di morfologia e struttira nella norma.
Regolare lo spessore delle membrane e gli epidimi;si segnala a destra scrotolita id 6mm
Visita:No varicocele o flogosi,possibile genesi radicolare del dolore.
Ora sono un paio di mesi che il testicolo destro e in particolare la parte a esso retrostante mi duole,in maniera lieve ma costante.E' come un'infiammazione.
La mia domanda particolare è pero' un'altra...
Ho notato che ,quando lo scroto è rilassato,se inspiro in maniera piu' profonda il testicolo destro sale velocemente verso l'alto,come se venisse tirato.
Poi espirando riscende,tornando alla sua posizione che è comunque sempre piu' alta del sinistro;il testicolo sinistro invece è sempre fermo.
Questo succede da diverso tempo,non solo ora che è dolente
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

potrebbero trattarsi di episodi di subtorsione del testicolo.

Comunque, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico che terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 285XXX

Gentile Dott.Beretta,
quindi un'eventuale subotosione causerebbe sia il dolore che la risalita quando inspiro piu' profonadamente o solo una delle due?
Anni fa ero andato da un urologo,non so se era anche andrologo,mi consiglia in questo caso un consulto andrologico piu' che urologico,se ho capito bene.
E' utile se prima del consulto faccio una ecografia da portare alla visita?
La ringrazio

[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2000
caro lettore,

se il suo testicolo destro non si è fissato "saldamente" allo scroto mediante il gubernaculum testis può tendere a risalire ogni qualvolta i muscoli cremasteri ( che avvolgono il cordone spermatico) si contraggono, sorzi, emozioni, contratture addominali--- il cosidetto "testicolo in ascensore"
Nessun timore, a mio modo di vedere, per fenomeni di torsione, in un adulto, valutazione del liquido seminale, una ecografia non è di grande aiuto all'andrologo o urologo che deve decidere cosa fare a un testicolo retrattile
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#4] dopo  
Utente 285XXX

Buongiorno,
non avendo ancora avuto modo di vedere un urologo riprendo questo post per un'aggiunta al mio quesito iniziale.
Il dolore leggero(ma continuo) nella zona posteriore del testicolo si è irradiato(sempre in forma leggera) alla zona che potrei indicare come quella del funicolo spermatico.
In pratica ho un leggero fastidio,diciamo un leggero bruciore, partendo dal testicolo e risalendo per 8-10 cm di fianco al pene,2-3 cm a lato.
Tastandomi non sento dolore .
Questo puo' essere associabile sempre a quanto mi avete indicato sopra?
Aggiungo che negli ultimi mesi sono particolarmente stressato e ammetto di avere avuto fasi di leggera depressione e ipocondria....
E' qualche mese che ho fastidi sotto le costole mi sembra di avere una infiammazione totale dell'intestino.
Il fattore psicogeno puo' essere significativo?
Vi ringrazio

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il fattore psicologico è sempre "significativo" e decisivo.

Comunque le ripeto, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo reale problema clinico e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico che terapeutico.

Bisogna, a questo punto, le ripeto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2000
caro lettore,

nel suo caso potrebbe anche essere presente una forma epididimitica ma anche una eccessiva valutazione e iperconsiderazione di tutti quei stimoli, magari dolorosi, che possono rpovenire dai genitali senza essere necessariamente espressione di malattia ma solo espressione di una bassa soglia di percezione del dolore o di uno stato d'animo tendenzialmente ansioso-depresso
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

comunque bisogna, a questo punto, consultare in diretta sempre un esperto andrologo per avere una diagnosi precisa.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com