Utente 301XXX
salve, prima di raccontare il mio caso , volevo premttere che scrivo per un consiglio/informazione.

ho rapporti stabili con la mia ragazza da ormai piu di 8 mesi. soltanto una volta ci siamo mischiati una piccola infezione da candida. sono 3-4 mesi che sessualmente tutto fila liscio (niente infezioni, rapporti quasi sempre protetti). ultitmamente però lei ha avuto dei problemi ginecologici, in quanto faceva pipì sentendo dolore associato a fuoriuscite di sangue nella pipì. si sta curando, in quanto è gia andata dal ginecologo.
c'è da dire però che, inconsapevoli ancora che lei avesse un infezione di questo tipo, abbiamo avuto un rapporto non protetto.
a me dopo qualche giorno da questo rapporto sono uscite delle palline bianche sul glande, piu che palline erano residui bianchi,leggermente maleodoranti, ma che con qualche lavaggio vanno via.
non sono macchie bianche come quelle della candida, in quanto quelle macchie lì mi rimanevano anche dopo i lavaggi. ricordo che per toglierle ho dovuto prendere delle creme, insomma ho dovuto fare una cura antibiotica abbastanza lunga e non è stato per niente facile, queste invece si tolgono con un lavaggio.

nel frattempo la segretaria del mio urologo mi ha dato appuntamento tra 15 giorni.. io tra 15 giorni dovrei partire per la Grecia.
per evitare che la cosa peggiori in questi 15 giorni e per evitare di curarmi in vacanza, ho iniziato a effettuare lavaggi con balanil sapone.

chiedo a medicitalia se effettuando 2-3 lavaggi per 15 giorni con questo tipo di sapone intimo riuscirei a risolvere il problema. Insomma se sto facendo la cura giusta.

ps prima di effettuare questi lavaggi con balanil, avevo dei bruciori al glande quasi tutta la giornata, ma nessun dolore nell'urinare, ne in erezione, ne nel scoprire il glande. soltanto bruciore. nessun rossore, niente puntini rossi.
con balanil questi residui bianchi per il momento non si sono riformati (lo sto usando da 2 giorni) e il bruciore si sta attenuando piano piano.

domanda finale, è un problema di igiene intima a questo punto? o è una forma strana di candida e mi devo rifare la cura di 4 mesi fa? (ovviamente dopo il parere del mio urologo).

ringrazio anticipatamente , sperando in una risposta soddisfacente .

[#1] dopo  
Dr. Andrea Loreto

24% attività
0% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
ROMA (RM)
COLLECCHIO (PR)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentilissimo Utente,
vedo che è preparatissimo, ha già cura e piano d'azione.

Provveda solo ad avere dei rapporti protetti finché il Suo urologo non potrà visitarLa.

Nulla può sostituire la visita sul paziente nemmeno l'esperienza di precedenti fatti avvenuti, si può incorrere in errori o disguidi.

Penso che nel dubbio di eseguire una terapia sbagliata che possa veramente rovinarLe le ferie aspetti di essere visto da Suo urologo e poi segua la cura che le darà (sempre che ce ne sia bisogno) che sarà sicuramente adatta alla sua vacanza (non dimentichi di dirlo); alcuni medicamenti, infatti, non sono adatti quando si prende il sole, mentre altri possono essere presi.

Saluti
Dott. Andrea Loreto
+39 339 8276298
www.andrealoreto.it