Utente 367XXX
Buongiorno,
volevo avere un parere per un'infezione recidiva alle vie urinarie dovuta a CITROBACTER KOSERI.
Da ottobre ho questa infezione che non mi passa, il mio medico in seguito alle varie urinoculture mi ha prescritto, monuril, amoxicillina clavulanico, bactrim, ma nonostante sulla carta dovessero debellare il batterio ciò non succede mai.
Ho eseguito anche tampone vaginale e l'infezione è anche in vagina, ma non ci sono altri funghi o patologie o germi.
Ho quindi fatto visita urologica e ginecologica ed entrambi mi hanno proposto di fare le punture di piperac (ne ho fatte 10) abbinate a ovuli vaginali antibiotici e poi contenenti fermenti lattici, buste di cistiflux e di dicoflor elle, ma ieri la triste scoperta che il batterio c'è ancora. Il mio medico non sa più cosa fare, che ne pensate?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
lei omette purtroppo di riferirci quali disturbi le causa questa infezione. Ci racconti qualcosa di più e forse potremo giudicare il suo caso con maggiore precisione.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 367XXX

Buongiorno, inizialmente avevo bruciore nella minzione e soprattutto esternamente con pesantezza della vescica e senso di dover andare in bagno spesso.
Poi il bruciore si è localizzato soprattutto nella zona vulvare, attualmente appena ho finito la cura con le punture di piperac ho avuto 3 giorni di bruciori fortissimi esterni ed interni con spilli, mentre negli ultimi giorni un pò di senso di bruciore esterno quando urino. Le urine hanno un cattivo odore.
Tengo a precisare che non ho più avuto rapporti in quanto il medico mi aveva detto che potevano peggiorare la situazione.
Questo batterio potrebbe avere causa nell'intestino? Soffro di coliti alternate e stipsi e 6 anni fa avevo avuto un sanguinamento all'intestino, controllato con colonscopia, che aveva dato esito negativo a cui ha fatto seguito poi una cura specifica.
grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La sua colite è certamente la causa prima di tutto questo problema ed è su questa che vanno concentrate le attenzioni, poiché la fonte dei germi è inesauribile e le ripetute terapie antibiotiche altro non fanno che selezionare germi sempre più resistenti. Pertanto l'alterazione dell'equilibrio batterico dell'intestino, così come i disturbi da colite devono essere attentamente valutati da un nostro Collega gastroenterologo.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 367XXX

La ringrazio molto
Cordiali saluti