Utente 314XXX
Dopo essere stato operato di ernia inguinale, ho avuto un problemino al pene.. diciamo che erano comparsi dei cordoncini duri un po' ovunque, risolti con una crema con escina mentolo e qualche altra composizione.. Il problema rimasto è solo uno: urino storto. Sin da prima dell'intervento urinavo un po' a ventaglio, nel senso che il getto era come diviso in due, ma non era un problema perché riuscivo sempre a controllarlo bene. Dopo l'intervento però , la cosa si è accenutata molto, non riesco più a controllarlo e spesso mi capita di farla fuori dalla tazza .. contemporanee al getto, escono anche alcune goccioline prive di spinta, facendomi ritrovare a volte la mano umida.. cosa può essere?

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile ragazzo,
probabilmente è un problema del meto uretrale esterno e va verificato da un esperto urologo.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#2] dopo  
Utente 314XXX

Cosa potrebbe essere secondo lei ? Una stenosi ?

[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Possibile ipotesi da validare con visita specialistica ed esami di approfondimento.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#4] dopo  
Utente 314XXX

Potrebbe essere un restringimento del prepuzio ? Perché ho notato che, io ho sempre avuto la pelle del pene che copriva a metà il glande.. Tuttavia ultimamente noto come una secchezza del glande , e lo stesso prepuzio mi lascia un segno sul glande ( tipo il segno che lascia l'elastico intorno al dito). La parte coperta resta normale, quella scoperta più secca..

[#5] dopo  
Utente 314XXX

Sono stato dal mio dottore.. Ha accennato ad una possibile infiammazione e di fimosi.. Secondo lei può essere ? Mi ha rimandato comunque da un urologo per approfondire ..

[#6] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Purtroppo on-line è difficile stabilire di cosa si tratta in realtà e si possono solo formulare delle possibili ipotesi. Anche quella riferita dal curante è una ipotesi da verificare e che l'urologo potrà o meno confermare già dalla semplice visita.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#7] dopo  
Utente 314XXX

Ma la
Fimosi non è quella che impedisce di scoprire il
Glande ? Io non ho nessun problema a farlo ne in erezione ne da floscio

[#8] dopo  
Utente 314XXX

Ho letto di un possibile intervento specializzato per una possibile stenosi.. Ma si va a modificare anche l'aspetto anatomico ( dimensioni , durezza) del pene ? È la parte riproduttiva? Io ho 20 anni, e sinceramente non sono propenso a subire quel tipo di intervento... Sono stato operato 3 mesi fa per ernia è ancora ho fastidi, figuriamoci un intervento simile... Cosa comporta il non operarsi di uretra plastica? Non è possibile andare avanti ciclicamente ( 1 volta l'anno ) con l uretrotomia ?

[#9] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Se il prepuzio scorre bene in effetti può non essere la causa del suo fastidio. Per quel che riguarda la correzione di una ipotetica stenosi uretrale è inutile fare supposizioni sulle modalità se prima non abbiamo una diagnosi certa e circostanziata.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#10] dopo  
Utente 314XXX

Mah.. Nemmeno mi ha voluto visitare.. Comunque mi può togliere le curiosità inerenti la sfera sessuale ?

[#11] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
La uretroplastica ed i possibili effetti collaterali sono direttamente proporzionali alla sede, alla lunghezza ed al fatto che sia singola o multipla.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#12] dopo  
Utente 314XXX

E se una persona non si opera cosa può comportare ?

[#13] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Anche in questo caso è necessario verificare l'entità, la sede, il numero delle stenosi, l'entità del rallentamento del flusso, lo stato e le pressioni generate dalla vescica ed il residuo post-minzionale: non tutte le stenosi sono uguali.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#14] dopo  
Utente 314XXX

Non sempre viene operata quindi ? Quali sono i centri più importanti in cui
Viene trattata ?

[#15] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Le stenosi serrate è necessario operarle; le sub-stenosi non sempre. Ormai tutti i Centri urologici maggiori sono in grado di curare le stenosi uretrali.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#16] dopo  
Utente 314XXX

Però scusi una domanda.. Quando viene tagliato il pene.. Poi non restano evidenti cicatrici ??

[#17] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
No! Sono minime ed in genere poco visibili specie se la stenosi è di pochi cm.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#18] dopo  
Utente 314XXX

ho fatto la visita urologica ( il dottore è anche andrologo ) mi ha fatto stendere e controllato prima a vista il pene.. poi mi ha fatto una presumo ecografia e ha detto che la prostata era piccolissima ( dovrebbe essere una cosa positiva ) e che anche la vescica era apposto.. siccome avevo lo stimolo di urinare mi ha fatto urinare e ricontrollato la vescica dicendo che il rpm era fisiologico e del tutto normale.. ha però notato come un edema nel glande, causato secondo lui da una infiammazione del frenulo troppo arrossato e breve, che secondo lui è la causa dell''edema e conseguente deviazione finale del getto.. secondo lei può essere? mi ha consigliato una frenuloplastica...

[#19] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Se il frenulo breve esercita una trazione sul meato uretrale esterno può causare una deviazione del mitto urinario.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#20] dopo  
Utente 314XXX

Lui ha ipotizzato questo ma non ha notato la comparsa di un edema
Nel glande.. Mi spiego.. Se esercito una lieve pressione sul
Glande assume
Una colorazione giallo verde , tipo un livido
Che sta sparendo.. Inoltre alla
Base del glande , vicino il
Frenulo, noto tanti piccoli capillari più Rossi... Cosa può essere ?