Utente
egregi Dottori, ho scritto in passato assiduamente,
adesso vi rivolgo ancora un quesito, in questi mesi ho avuto alti e bassi
riguardo la mia prostatite cronica e l'infiammazione della prostata è sempre coincisa
con problemi intestinali (colite, bruciore rettale) l'ultimo urologo consultato
dice che mi devo rassegnare non devo fare alcuna terapia ( a parte il permixon) e che il
bruciore uretrale, l'infiammazione prostatica, il peso al perineo
cesseranno guarendo le condizioni intestinali.
Lei condivide questo approccio? non devo fare nulla e aspettare che mi passi la colite?
grazie mille

[#1]  
Dr. Antoncarlo Pau

28% attività
0% attualità
0% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2012
Penso che qualche collega possa averle già consigliato un ciclo di terapia antibiotica con chinoloni che nel caso della fastidiosa e lunga prostatite cronica arriva anche alle 4 settimane consecutive,inoltre il ciclo di fitoterapici a base di serenoa repens come il permixon per poter essere efficace deve essere di almeno 4-6 mesi, le avrei prescritto in aggiunta anche un alfalitico come la silodosina. E' opportuno inoltre un controllo gastroenterologico e sopratutto proctologico per risolvere i concomitanti problemi anorettali o colitici che possono favorire e sostenere problemi infiammatori alla vicina prostata anche per via linfatica. Consigli sanitari igienico dietetici sono anch'essi fondamentali per poter favorire la risoluzione della ostinata prostatite cronica.
Dr. Antoncarlo Pau
Medico Chirurgo
Specialista in Urologia
S.C Urologia - Az. Osp. G. Brotzu - CAGLIARI

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottor Pau, grazie per la risposta, ho fatto oggi un controllo gastroenterologico e mi è stato diagnosticato colon irritabile, devo fare altre analisi e una rettoscopia per escludere altre patologia ma la diagnosi sembra quella. Nel recente passato quando stavo bene di colon stavo bene anche di prostata, Non ho mai fatto antibiotici per quattro settimane ma solo il tempo che l'infezione di turno (escherichia coli, enterobacter) passasse.
L'urologo da me consultato non mi ha dato antibiotici in assenza di infezione, solo permixon per sei mesi (sono al terzo) e per due mesi ormai finiti cialis 5mg due volte la settimana, non mi ha dato alfalitici dicendo che ancora è presto pur avendo io un moderata ipertrofia prostatica con getto urinario ridotto (ho 50 anni). Nei momenti più acuti Pelvilen dual act due bustine al dì.
Alla luce di questo Le chiedo se la mancata prescrizione di antibiotici o alfalitici nella mia situazione cronica possa danneggiarmi e siano indispensabili per uscire da questa situazione o magari stringendo i denti e sistemando il colon posso superare questo momento senza creare ulteriori cronicismi o danni permanenti.
Grazie mille