Utente 336XXX
Buongiorno. Mio padre, 67 anni, da circa 3 anni assume Avodart e Omnic per una prostatite cronica. Da qualche mese ha iniziato ad avere problemi di diminuzione di libido, impotenza e difficoltà di eiaculazione. Leggendo il foglio illustrativo(bugiardino) ci siamo accorti che l'Avodart porta questi disturbi ( cosa che l'urologo non gli aveva mai detto) che da ieri ha sospeso. le mie domande sono: Esiste un farmaco che non causa questi effetti indesiderati,ma che ugualmente mantiene l'effetto come avodart? e questi problemi si risolveranno? perché sul bugiardino c'è scritto che i disturbi che riporta potrebbero non essere più curativi.
Dimenticavo: Le ultime analisi del sangue di marzo 2015, il PSA era 2,49. Le ha ripetute ieri, ma ancora non abbiamo i risultati. Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
I farmaci che hanno un'azione sul metabolismo della prostata (es. finasteride e dutasteride - Avodart) possono avere a lungo termine un'azione deprimente sull'assetto ormonale maschile. Questi effetti sono molto variabili e scarsamente pevedibili da caso a caso. Gli integratori di origine vegetale, principalmente l'estratto di palma nana (serenoa repens) in tutte le loro formulazioni commerciali si prefiggono lo stesso scopo, con una efficacia mediamente inferiore, ma anche senza effetti collaterali. Si può certamente provare, senza troppo sperare. Il disturbo dell'eiaculazione è invece assolutamente proprio dei farmaci alfa-litici come la tamsulosina (Omnic ed altri) e si manifesta come una riduzione od una asseza dell'eiaculato, dovuta al ben noto meccanismo dell'eiaculazione retrograda. Tutti questi effetti sono certamente reversibili con la sospensione della terapia, quasi immediatamente per gli alfa-litici, a medio termine per la dutasteride. In conclusione, la terapia deve essere calibrata attentamente in base all'entità del disturbo, l'efficacia ottenuta e gli effetti collaterali. Questo deve essere giudicato dall'urologo di riferimento, che può sempre proporre, quando opportuno, la soluzione operativa.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 336XXX

Carissimo Dottore la ringrazio per queste informazioni. Posso tenervi aggiornato? mercoledì avrà la visita.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Certamente ci faccia sapere, se lo desidera.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing