Utente 121XXX
Buongiorno.
Affetto da Balanopostite di Zoon, ho deciso di sottopormi a circoncisione totale dopo che si è progressivamente formata una fimosi in seguito alla mia patologia. Avendo scelto un intervento all'interno del SSN ho dovuto aspettare la lunghissima lista di attesa (2 anni) del mio ospedale (Pisa). Nell'attesa la fimosi si è molto accentuata, tanto che dopo l'operazione l'urologo mi ha detto che in pratica il prepuzio era completamente aderente al glande (tutto un pezzo) e quindi ho avuto una "circoncisione totale con lisi delle aderenze e frenuloplastica". L'intervento è stato ok.
Al controllo post-operatorio avuto il giorno successivo, mi hanno detto che era tutto ok e mi hanno dato istruzioni sulla medicazione da seguire per circa 3-4 giorni.
Ho seguito quindi le istruzioni date dall'ospedale: disinfettare con acqua ossigenata o amuchina med, genalyn beta sulla zona dei punti, piccola striscia di garza con connettivina sulla zona dei punti, fasciatura con garze sterili lasciando parzialmente scoperto il glande, e infine garza elastica semi compressiva e cerotto per tenere il pene attaccato all'addome, all'insu'.
Oggi sono passati 10 giorni dall'intervento: la zona dei punti, è molto sgonfiata, e sinceramente non mi ha dato quasi mai particolari fastidi. Il problema è il glande. E sempre stato molto molto arrossato, irritato, ipersensibile e anche oggi la situazione non è migliorata. Continuo a fare le fasciature ma qualche giorno fa ho smesso di lasciare scoperto il glande. Mi è impossibile, stare in piedi, camminare, troppo fastidio al contatto con slip. Non solo, basta che la garza della fasciatura sfreghi leggermente con il glande che si presentano piccoli graffietti con piccole perdite di sangue. Persino fare la pipi, ancora oggi, mi dà bruciore se una goccia di urina bagna la pelle del glande. So che le aderenze al prepuzio erano molte, ma è normale questa ipersensibilità ancora dopo 10 giorni ? Non mi aspetto di non sentire niente, ma di avere almeno dei miglioramenti.
Per ridurre il fastidio adesso, al mattino metto il Gentalyn anche sul glande (1 volta al giorno). Poi con una garza grassa (connettivina) avvolgo tutto il pene (glande compreso). Poi una garza sterile sopra. Se devo camminare, muovermi, fisso ancora il pene all'addome con cerotto. E nonostante tutto questo, provo spesso molto fastidio nel camminare. E' normale tutto questo ? Sto sbagliando qualcosa nel metodo della fasciatura ? Avete dei consigli da darmi per migliorare la situazione ?
Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Caro signore,
non sbaglia assolutamente nulla. Senta magari il suo urologo che non sia il caso di mettere una pomata contenete anche cortisono oltre antibiotico a ridurre l' infiammazione locale dovuta alla chirugia di separazione fra glande e prepuzio.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 121XXX

Grazie Dottore per la risposta.
La informo comunque che la crema che sto già applicando dal primo giorno è il Gentalyn Beta, quindi antibiotico + cortisone. Secondo lei puo' bastare questo farmaco ?
Immaginavo anche io che essendoci state delle notevoli aderenze tra prepuzio e glande, il decorso post operatorio sarebbe stato più fastidioso del normale, ma non cosi' tanto.
Il mio dubbio era soprattutto sulla patologia che aveva scatenato la fimosi, vale a dire la balanite plasmacellulare di Zoon. Ci puo' essere un collegamento tra la patologia e questa forte infiammazione del glande ? Premetto che al tempo della diagnosi di questa patologia (dopo una biopsia del prepuzio) sul glande non c'erano segni evidenti se non qualche piccolo arrossamento.
Grazie
Saluti

[#3] dopo  
Ok per pomata. La balanite di Zoon ha etiologia assai benigna, ma essendo infiammatoria qualche responsabilità ce la ha.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#4] dopo  
Utente 121XXX

Grazie dottore
Avrei un'altra domanda riguardo al naturale processo di cheratinizzazione del glande.
1) Tenendo il pene cosi "incappucciato" praticamente tutto il giorno con la fasciatura che le ho descritto nella precedente domanda, allungo i tempi di cheratinizzazione ?
2) La patologia di Zoon rallenta questo processo ?
3) Quando la situazione sarà finalmente stabilizzata, sarò soggetto ad altri disturbi per la patologia di Zoon ?
La ringrazio
Saluti

[#5] dopo  
1) No. Cheratinizzazione indoitta da ambiente migliore.
2) No
3) Può darsi, ma vediamo.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#6] dopo  
Utente 121XXX

Buongiorno

Sono passati 18 giorni dall'intervento. La situazione è un po' migliorata. Non uso piu' le garze grasse ma solo una garza sterile per evitare il contatto diretto del glande con gli slip. L'aspetto del glande è leggermente migliorato: è ancora però molto arrossato e tutt'ora, dopo aver fatto pipi, sento bruciore. Ho capito che il bruciore proviene dalla parte posteriore del glande, subito sotto l'orefizio, in linea, scendendo, con la zona del frenulo. Tutto cio' ha che fare con la frenuloplastica subita ?
Inoltre ieri sera, al momento di urinare ho sentito una forte pressione ed un forte bruciore. Dopo aver disinfettato l'orefizio con garza bagnata di acqua ossigenata, ho applicato un po' di gentalyn beta. Oggi non ho piu' sentito quel bruciore urinando, ma al termine della minzione dall'orefizio sono uscite alcune gocce di sangue, o forse urina sporca di sangue. Sinceramente mi sono un po' spaventato. E'normale tutto questo ? Grazie mille dottore !

[#7] dopo  
tutto ok: nienete acqua ossigenata sull' orifizio uretrale, che brucia.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#8] dopo  
Utente 121XXX

Buonasera. Sono passati 45 giorni dall'intervento. La situazione è molto migliorata, ma non del tutto risolta. Non uso piu' garze e il contatto del glande con gli slip è diventato a poco a poco sopportabile, anche se non del tutto insensibile. Il glande ha adesso un aspetto normale salvo la parte inferiore, sotto l' orifizio uretrale dove persiste una zona molto arrossata. Credo che dipenda dal fatto che avendo avuto delle forti aderenze del prepuzio al glande, in quella zona il chirurgo abbia "scavato" più a fondo per asportare il prepuzio durante la circoncisione. E' un pò come se in quella zona fossa stato portato via anche uno strato in più della pelle del glande. Per questo al mattino applico sulla zona ancora del Gentalyn Beta che mi era stato prescritto dal chirurgo e per non sporcare gli slip applico una pezzetta di cotone. La noia è che dopo qualche ora, la pezzetta aderisce in quel punto e togliendola sento dolore ed ho sempre un piccolo sanguinamento. La stessa cosa accade anche senza la pezzetta di cotone, in quanto in quel punto il glande si attacca agli slip, con le stesse conseguenze. La cosa va avanti da diversi giorni e non sembra migliorare.
1) Occorre forse una pomata più cicatrizzante ? O forse è meglio un unguento ? Cosa mi consiglia dottore ?
Inoltre:
2) I punti sono caduti tutti eccetto in un punto, subito sotto la corona del glande, nella parte superiore, dove vedo ancora del filo bianco: sembra che in quel punto il chirurgo abbia fatto un "ricamo". Non ho nessun fastidio, ma mi chiedo se devo farli togliere o se devo semplicemente aspettare. Il chirurgo, dopo l'intervento mi ha detto che i punti sarebbero caduti da soli. Cosa mi dice dottore ?
Grazie in anticipo per la sua disponibilità.