Utente
Buonasera dottori, scrivo per un problema che sta ahimè diventando sempre più invasivo, cioè l'eccesso di liquido pre eiaculatorio
Circa da un anno ne noto la fuoriuscita già solo durante la masturbazione, in quantità anche abbastanza corpose, tanto da doverlo tamponare di continuo con la carta igienica.
Ora che mi vedo con una ragazza però, la situazione è davvero al limite, perdo tantissimo liquido anche senza l'erezione e questo passa dalle mutande ai pantaloni, lasciando macchie evidenti e causando un forte imbarazzo, oltre che la fastidiosa sensazione di bagnato che mi perseguita durante tutto l'appuntamento.
Altrove ho letto che si tratta di una condizione normale, però io non conosco nessuno a cui accada, tantomeno in misura così elevata
Ormai persino il semplice parlare al telefono con la ragazza causa questa reazione seppur in misura minore rispetto a quella da contatto fisico.
Esiste una soluzione?

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In assenza di altri disturbi, sarebbe da considerare una manifestazione fisiologica della sua prostata, ma visto l'impatto negativo che hansulla sua vita sociale, diremmo che sarebbe il caso di valutare direttamente con la visita diretta di un nostro Collega.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la celere risposta
Una curiosità: il liquido prostatico e pre-eiaculatorio sono la stessa cosa? Non trovo molte info sul web.
Per quanto riguarda la visita, come funziona? Devo chiamare medici singoli o si fa anche in ospedale? Sono in zona Torino se può aiutare

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Sono due modi di definire la stessa cosa. La visita può ovviamente farla dove desidera, in una struttura pubblica previa richiesta del suo medico curante o presso un professionista privato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing