Utente 354XXX

Lunedì scorso sono stato da un urologo per una balanopostite.
Questo mi ha prescritto andro clean e gentalyn beta da mettere mattina e sera. Mi ha detto di tornare dopo tre giorni.
Dopo tre giorni non c'erano stati peggioramenti quindi mi ha detto di continuare con la terapia.
Ad oggi percepisco ancora un po' di resistenza a scoprire il glande.

Sono stato di nuovo dall'urologo per il controllo lunedì. Dove prima erano presenti le erosioni ora ci sono delle macchie bianche. L'infiammazione è passata e non avverto fastidi di sorta se non una certa difficoltà, come detto, a retrarre il prepuzio.

Il medico mi ha detto di sospendere il gentalyn, di continuare ad usare andro clean.

Io sinceramente non sono molto convinto di quanto mi è stato detto e ho pensato di vedere un dermatologo.

Specifico che sono sessualmente attivo ma ho un partner fisso da 4 anni.

A cosa possono essere dovuto quelle macchie bianche che vedo sul glande dove prima c'erano le erosioni?
Vale la pena vedere un dermatologo?

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Caro utente,
se non riesce a scoprire bene il glande verosimilmente è affetto da una fimosi.
La terapia topica in tal caso è palliativa e non risolutiva in quanto mira alla cura dei sintomi e non della causa.
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com

[#2] dopo  
Utente 354XXX

Il glande lo riesco a scoprire completamente, avverto solo un fastidio inconsueto nel farlo e non so se questo dipende dalla balanite.

Poi non riesco a capire cosa sono quelle macchie bianche sul glande comparse in luogo delle erosioni.

Quando il glande si riepitelizza assume questo colore? potrebbe essere questo?

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
E' possibile, ma ci costringe a lavorare di fantasia.
Segua i consigli dell'urologo che bastano sicuramente.
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com