Utente 467XXX

Buongiorno
Da circa 5 mesi che ho lo stesso problema, e forse è peggiorato con il passare del tempo.
Un giorno dopo essermi masturbati ho notato uscire sangue da un taglietto, una gonfiatura formatasi sul prepuzio del pene, ho aspettato un paio di settimane e ho ripreso l'attività. Sempre dopo la masturbazione un altro giorno è successa la stessa cosa, e il ciclo ha ripreso fino a 2 mesi fa dove ho visto che si era creata una linea rossa laterale sul pene che iniziava dai testicoli e finiva sulla punta dove c era la gonfiatura e quasi in mezzo alla linea c'è un puntino ancora più rosso. Ho provato a mettere il gentalyn beta per una settimana ogni giorno ma non ha funzionato. Anche se aspetto due settimane la linea,il puntino e la gonfiatura non passa. Ho pensato che la parte della punta rossa fosse il frenulo ma non coincide con quello che leggo online. La cosa strana è che quando il pene è flaccido la gonfiatura, la linea e il punto sono molto notabili. In erezione si vede molto di meno invece. Cosa dovrei fare, mettere un altra crema, aspettare molto tempo prima di riprendere attività? Per favore consigliatemi qualcosa

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile giovanissimo lettore,

non si pasticci ulteriormente bene ora sentire in diretta il suo medico di famiglia, eventualmente accompagnato dai suoi genitori, se presenti, e poi a ruota, se da lui indicato, sentire sempre in diretta anche il suo andrologo od urologo di riferimento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 467XXX

Di cosa si potrebbe trattare vagamente? Infiammazione, problema serio...

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

come già dettole, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la vera causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com