Utente 496XXX
Buongiorno a tutti, sono un ragazzo di 24 anni e, in seguito ad una visita presso il mio urologo, in data 17/3/18 mi sono sottoposto ad un eco-color doppler spermatico con i seguenti risultati:

"[...] Livelli di esplorazione color-doppler: cordone spermatico, anello inguinale esterno, regione peritesticolare, parenchima testicolare.
L' esame color-doppler, eseguito in clino ed ortostatismo, evidenzia reflusso spermatico continuo sopra e peritesticolare sinistro, che si estende fino al III inferiore del testicolo ed è incrementato dalla manovra di Valsalva.
A livello del gruppo venoso spermatico destro si rileva flusso ematico modulato dagli atti respiratori, senza reflusso significativo durante manovra di Valsalva (reflusso di durata < 2 sec.).

CONCLUSIONI: Varicocele sinistro di IV grado (classif. I-V).
Si segnala microlitiasi testicolare bilaterale.

In data 20/3/18 ho effettuato uno spermiocitogramma con i seguenti risultati:

[...] CONCLUSIONI:
- Conta spermatica normale
- Normale motilità percentuale
- Morfologia normale

Come è emerso dalle analisi, sono affetto da un varicocele di IV grado e il risultato dello spermiocitogramma ha evidenziato un quadro nella norma. Inoltre, per quanto attiene a dolori testicolari, si verificano molto di rado (meno di una decina di volte in tutta la mia vita) e solo in seguito ad un' intensa masturbazione, mai durante sforzi fisici pesanti di altro genere. Aggiungo che ho sempre praticato sport.
Al momento non so se decidere di effettuare l' operazione per rimuovere il varicocele oppure no. Il mio urologo, considerati i risultati dello spermiocitogramma e il fatto che i dolori sono molto rari, ha detto che francamente non sa cosa consigliarmi pur propendendo leggermente per l' operazione. Ha detto, infatti, che a lungo andare un varicocele di una tale entità causerà inevitabilmente dei danni al testicolo.

Mi piacerebbe poter avere un Vostro personale parere in merito all' opportunità di eseguire quest' operazione.
Da un lato io vorrei "togliermi il pensiero" e procedere con l' operazione visto che il varicocele è significativo e provo apprensione per eventuali effetti negativi a lungo termine sulla mia fertilità. D' altro canto il mio spermiocitogramma è andato bene e i dolori si verificano molto di rado, perchè effettuare un' operazione di cui pare che al momento non ci sia bisogno e che comunque comporta dei rischi? Quali sono questi rischi e quanto sono alti? Qual è la probabilità che a lungo andare un varicocele così porti a dei danni?
Mi sarebbe di grande aiuto avere il parere personale su quest' argomento di specialisti in questo settore come Voi.
Ultima cosa: cosa mi consigliereste di fare riguardo alla microlitiasi testicolare bilaterale?
Grazie in anticipo

Cordiali saluti
B.M.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

vedo che ha già le idee abbastanza chiare in merito alle strategie terapeutiche da seguire e qui la rimandiamo al suo andrologo di fiducia per la decisione finale che viene sempre presa in diretta con il proprio specialista di riferimento.

Se desidera comunque avere informazioni più dettagliate su questo particolare ma complesso tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo da me pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-fare-problemi.html

Sulla "microlitiasi testicolare bilaterale" è indicata invece una monitorizzazione annuale, sempre con il suo andrologo di fiducia, di questa particolare situazione anatomica, infatti segnalazioni ancora non definitive la vedono come un possibile fattore di aumentato rischio oncologico per i testicoli.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 496XXX

Grazie per la risposta dottore