Utente 611XXX
Gentile Dottore, volevo innanzitutto ringraziarla per la disponibilità e per il tempo dedicatomi per rispondere alla mia richiesta di consulto.
Premetto di essere una persona abbastanza ansiosa e ogni nuovo dolore o sintomo avvertito mi mettono sempre un po sul chi va la.... Ho 26 anni e ho passato la visita di leva nel 2001 e due visite urologiche nel 2006 per intervento di circoncisione senza riscontrare ne varicocele ne altro.
Volevo chiederle un consulto riguardo un fastidio che avverto da circa 4 giorni riguardante il testicolo sinistro e il basso ventre sinistro.
Da giovedi scorso avverto questo fastidio al testicolo, come la sensazione di leggero dolore, simile a quando si prende una botta sui testicoli che poi si irradia al basso ventre. Questo dolore non è sempre presente nel corso della giornata, a volte si fa sentire un po, e a volte non lo percepisco affatto, forse anche perchè non ci penso tanto. Fatto sta che giovedi scorso mi dava più fastidio nella zona inguinale sinistra e specialmente nel basso ventre sinistro, il dolore è sempre simile a quello di una botta nei testicoli in forma più leggera e costante. Poi venerdi però questo fastidio l'ho avvertito in maniera minore, non era sparito del tutto però lo avvertivo molto meno del giorno prima.
Venerdi sera, data la mia natura ansiosa per la paura di avere qualcosa di strano tipo varicocele o altro, sono andato dal medico di famiglia, per esporgli il mio fastidio e lui dopo avermi visitato mediante palpazione della zona, e dopo avergli spiegato i miei sintomi, mi ha detto che escludeva la presenza di varicocele o altro e di ernie e che dato che porto sempre jeans stretti e lavoro in ufficio sempre seduto, poteva trattarsi di una leggera infiammazione dell'epididimo...e perciò mi ha detto di prendere degli antinfiammatori per 5 gg e se continuava il disturbo di ripassare da lui ed eventualmente sarebbe stato opportuno rivolgersi a un urologo.
Non so se possa centrare o meno, cmq pochi giorni prima della comparsa di questo fastidio al testicolo sx e all'inguine sx sentivo come un peso nella zona tra i testicoli e l'ano; peso che si presentava raramente durante le giornate. Inoltre una settimana prima della comparsa del fastidioso dolore al testicolo, mi è capitato di sedermi male e di schiacciarmi con i pantaloni i testicoli, con consueto dolore ai testicoli e all'inguine, che poi però mi sono passati subito.
Alla comparsa di questi strani fastidio, io, penso poco furbamente, sono andato in internet alla ricerca di cosa potessero significare questi fastidi, e leggendo ho fatto peggio perchè mi sono impaurito e basta.
Se può esserle d'aiuto i testicoli non mi dolgono al tatto, e non si presentano ne gonfi ne con vene superficiali...permane saltuariamente questo fastidio lieve al testicolo sx e all'inguine sx, che a volte viene e a volte scompare. Mi sono accorto che il fastidio non aumenta ne diminuisce a seconda se faccio movimenti o no...
In attesa del termine della cura ed eventualmente di recarmi di nuovo dal mio medico di famiglia per vedere come procedere, volevo chiederle se tutto questo può essere riconducibile ad una infiammazione dell'epididimo dovuta al fatto che porto sempre jeans o pantaloni stretti, e che è quasi una settimana che avverto questo fastidio, alternando giorni che mi sembra passare con giorni che mi si ripresenta lievemente senza mai scomparire del tutto.
In attesa di una vostra risposta le porgo
Distinti Saluti
Ora in attesa di terminare la cura

[#1] dopo  
Dr. Ivano Morra

40% attività
4% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
gent.le utente penso il primo approccio con il medico di famiglia sia stato corretto anche dal punto di vista terapeutico.
ovviamente se il distrubo persiste sarà utile un approfondimento diagnostico presso un urologo potendo le cause essere molteplici e non diagnosticabili altrimenti.
cordiali saluti
Dr Ivano Morra
Dr Ivano Morra

[#2] dopo  
Utente 611XXX

Gentile Dottore, la ringrazio per immediata risposta alla mia richiesta. Ora vedrò in questi giorni se, grazie alla cura prescrittami dal dottore, il fastidio mi sparirà o meno e poi vedrò insieme a lui come è meglio procedere ed eventualmente rivolgermi ad un urologo. La ringrazio ancora per la disponibilità...