Utente 427XXX
Dottori, scusate l’ennesimo disturbo ma vi chiedo una cosa importantissima perché in questi giorni dovrò decidere se procedere o meno per l’intervento per sclerosi del collo vescicale.
Come già dissi, dovrò fare prima la cistoscopia perché non c’è ancora la conferma diretta che sia quello, ma tutti gli urologi che ho consultato considerando gli esami, le terapie che ho fatto, le continue infezioni che ritornano, gli integratori per la prostata che non funzionano, e il quadro clinico, sono certi che si tratti di sclerosi.

L’ultimo urologo, a cui ho proposto l’intervento, è stato anche l’unico con cui ne ho parlato, e si è detto contrario perché secondo lui quel tipo di intervento comporta dei problemi come possibile incontinenza ed eiaculazione retrograda. Però abbiamo solo accennato la questione, ma ora sto davvero così male che sono costretto a farlo...
In pratica, il continuo peso sovrapublico e la costante sensazione di dover urinare anche quando la vescica è vuota, non mi permettono neanche di avere una vita sessuale in quanto, nonostante sessualmente stia bene, il fastidio dei sintomi non mi permettete di rilassarmi durante il sesso, quindi l’ho abbandonato già da un po’, capite cosa possa significare a 21 anni...

In ogni caso, se ne avete la pazienza, avrei bisogno di una panoramica su questo intervento, e soprattutto se esiste un modo per diminuire il rischio di effetti collaterali (anche al costo di non risolvere del tutto il problema), ad esempio ho letto che anziché due incisioni se ne potrebbe fare solo una...
Poi vorrei sapere in quale percentuale si presentano i rischi, e in che forma, e soprattutto dal punto di vista sessuale cosa mi cambierà.

Ultima cosa, visto che ho una vita attiva (Università, sport, relazioni), vorrei sapere quanto tempo si prenderà questo intervento, cioè l’arco temporale tra il giorno dell’intervento e il giorno in cui potrò tornare a fare tutto (sport, sesso ecc...).

Avete la pazienza di aiutarmi nella mia scelta? Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Salve
chiaramente non abbiamo, perlomeno personalmente, il tempo di descrivere una panoramica dell’intervento.
Ripercussioni sulla sfera sessuale non dovrebbero esserci, molti operatori propongono l’incisione monolaterale per ottenere il risultato clinico e nello stesso tempo evitare la retro eiaculazione.
Di solito vengono richiesti almeno tre settimane prima di una ripresa dell’attività sportiva
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#2] dopo  
Utente 427XXX

Va bene, le informazioni che mi avete dato mi sono state utili grazie!
Vorrei sapere solo un’altra cosa: reputate in generale cistoscopia e intervento un percorso tutto sommato semplice, o comunque qualcosa di abbastanza pesante che comunque mi darà grane e problemi anche nel post operatorio?
Perché nel primo caso, a questo punto cerco di farlo il prima possibile, altrimenti nel secondo caso aspetterò un periodo “libero” per potermi concentrare solo su quello...