Pellicine bianche aderenti a glande e prepuzio

Buonasera
Ringrazio anticipamente i Sig medici che metteranno a mia disposizione la loro professionalitá e dedizione per fornirmi informazioni indicative a riguardo del quesito in oggetto.

Ho 18 e da circa un anno riscontro un problema del glande e della parte interna del pene (per precisione trovo delle pellicine bianche aderenti alla pelle del pene inodore e che non mi fanno alcun male) . Di solito riesco a toglierne alcune con un asciugamano bagnato, anche se peró il problema persiste per una settimana, dopo circa un mese queste pellicine ricompaiono: premetto che ho molta cura della mia igiene intima e cho ogni giorno lavo il mio pene all'esterno e all'interno appunto perché non sono circonciso.
Su internet ho letto patologie come balanite o balanopostite, anche se peró i sintomi non corrispondono, per esempio io non ho né bruciore ne arrossamento del pene ne prurito. Inoltre non ho mai avuto rapporti sessuali quindi escluderei anche qualche malattia sessualmente trasmissibile.
Io mi domando se questo problema puó derivare dal tipo di sapone intimo che uso oppure dal modo in cui lavo la mia biancheria intima.
So di essere stato molto espansivo riguardo le mie turbative ma vorrei capire quali sono le cause di questi miei problemi.
Io preferirei non andare da un medico ma trovare un rimedio in questo modo dato che riguardo queste cose sono molto chiuso e riservato anche con i miei genitori.

Vi ringrazio anticipamente spero che possiate aiutarmi in qualche modo e darmi consigli su come eliminare questo problema cordiali saluti.
[#1]
Dr. Luca Di Gianfrancesco Urologo 319 13
Salve
Non è facile risponderle. Potrebbe trattarsi di fenomeni legati alla alterazione della microflora genitale dovuta al tipo di sapone impiegato o alla frequenza dei lavaggi.
Comunque nulla di preoccupante nè tantomeno allarmante.
Provi semplicemente a cambiare tipo di sapone.
Distinti saluti

Dr. Luca Di Gianfrancesco

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la sua risposta fulminea Dr. Luca Di Gianfrancesco.
Volevo chiederle , io ho già preso appuntamento con un dermatologo ma il problema come avevo già scritto in precedenza sta diminuendo perché dura solo una settimana per poi riprendere di solito dopo un mese , io mi chiedevo se un dermatologo è in grado di fare una diagniosi pur non vedendo il problema dal vivo. Magari come avevo letto da qualche parte con un tampone puó determinare quale patologia mi affligge?
La ringrazio per una sua futura risposta
[#3]
Dr. Luca Di Gianfrancesco Urologo 319 13
Salve
Certo, il dermatologo saprà fare diagnosi anche senza manifestazione clinica alla luce di quello che le riferirà e sarà lo stesso dermatologo a indicarle eventualmente l’esecuzione di un tampone e i giusti accorgimenti terapeutici.
Distinti saluti
[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto dottore mi ha tolto un peso dallo stomaco.
Distinti saluti
[#5]
dopo
Utente
Utente
Dottore volevo aggiornarla sulla situazione.Giovedi ho fatto la visita dal dermatologo e lui mi ha diagniosticato una balanite abbastanza lieve.
Inoltre mi ha prescritto un farmaco di nome SUADIAN da usare una volta al giorno la sera per 12 giorni. Peró ho notato visto che è già da tre giorni che lo applico sul pene che le pellicine non sene vanno , anzi a dire il vero sono anche aumentate visto che prima di applicarlo non ne avevo quasi punte.
Io mi domandavo dato che sicuramente lei conoscerà questo farmaco, se questa è una cosa normale , cioè che l'aumento delle pellicine è un effetto che da all'inizio il farmaco e che quindi significa che il farmaco sta funzionando.
Altrimenti se questa secondo lei non è una cosa normale , potrebbe consigliarmi se tornare dal dermatologo, oppure se aspettare ancora un po' e continuare ad applicare il farmaco dato che sono solo tre giorni che lo uso e quindi magari deve solo fare ancora effetto?
La ringrazio molto dottore aspetto una sua risposta.
Cordiali saluti

Allergia ai farmaci: quali sono le reazioni avverse in seguito alla somministrazione di un farmaco? Tipologie di medicinali a rischio, prevenzione e diagnosi.

Leggi tutto