Utente 535XXX
Buonasera Dottore, il 12 è un mese che a seguito di una ennesima colica renale dx, mi è stato inserito preventivamente, uno stent uretrorenale in attesa che venga rimosso il calcolo di 1cm. Non passa un giorno che non ho disturbi, dolori pubici e a volte renale. Continuo ad assumere antidolorifici, ma con poco risultato, lo stesso trattamento l'ho avuto qualche anno fa, ma dopo l'intervento di rimozione del calcolo. Come mai ad oggi non mi viene trattato? Non ce la faccio più a sopportare questi dolori. E poi come si evolverà il dopo intervento? Grazie.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Lo stent inserito é in grado di evitare talune possibili gravi complicazioni, ma ben si sa quanto possa essere fastidioso. Anche se sottile e morbido, viene comunque percepito come un corpo estraneo, con disturbi molto variabili in base alla sensibilità soggettiva. Si tratta ovviamente di una soluzione temporanea, in attesa della risoluzione endoscopica del caso. Se si pensa che lo stent possa preparare il campo rendendo più facile l’intervento, questo risultato viene raggiunto già dopo 10-15 giorni, pertanto le ulteriori attese sono dettate solo dalla disponibilità di ricovero della struttura urologica. Oggigiorno crediamo che il tempo medio per le strutture pubbliche sia attorno ai 40-60 giorni, che é certamente molto, ma si fa purtroppo solo quel che si può.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing