Utente
Un caro saluto a tutti gli specialisti del sito.

Come da titolo scrivo per informazioni su esami PSA totale + urine di un uomo di 74 anni.

PSA totale: 3, 220 su 4
Esami urine:
Glucosio: 6, 0 su 15
Proteine: 0
Emoglobina: 0
Corpi chetonici: 0, 03
Bilirubina: 0
Urobilinogeno: 0, 2 fino a 0, 3
Nitriti: assenti
Esterasi leucocitaria: 0
Peso specifico: 1008 su 1010- 1025
Colore: giallo paglierino limpido

Il soggetto in questione non ha fastidi quando urina, solo nell'intensità del getto.
Il giorno non ha necessità particolari di andare in bagno, mente la notte capita che si alza per andare (il medico gli ha detto che si tratta della posizione).

Come vedete queste analisi, soprattutto il PSA totale, vista anche l'età?

Il suo medico comunque gli ha detto che per ottobre gli farà fare un'ecografia di controllo alla prostata. Non gli è stata fatta nessuna esplorazione rettale, solo gli è stato detto che tutto è in regola.

Può stare tranquillo? Vorremmo qualche parere in più

Grazie anticipatamente

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il valore del PSA rientra nei limiti, ma sarebbe utle rapportarlo ad eventuali valutazioni precedenti effettuate negli anni scorsi, posto che questo sia stato fatto. Potrebbe essere utile ripetere ancora un paio di volte a distanza di un anno, ma se non si manifestano alterazioni entro i 75 anni, in genere non si insiste oltre. Svegliarsi una volta per notte per urinare oltre i 70 anni è del tutto accettabile. Se non vi sono altri disturbi particolari diremmo che non vi sia motivo di preoccuparsi, resta sempre valida la regola che ogni uomo dovrebbe sottoporsi ad una viita specialistica urologica almeno una volta ogni 10 anni, anche in assenza di particolari disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottor Piana per la sua risposta. Mi scuso per il ritardo della mia risposta ma sono stato impegnato con la stagione estiva.
Come dicevo il soggetto non ha particolari sintomi tranne il fatto che di notte si alza per urinare di più rispetto al giorno, inizia l'atto con un po' di ritardo rispetto al normale e il getto è ad intermittenza e ogni tanto dolori in zona lombare che vanno via con la crema per dolori. Oltre questo dice di non lamentare sintomi.
3/4 anni fa ha fatto l'ecografia e tutto risulta essere normale.
Quali sintomi possono in questo caso destare preoccupazione?
I sintomi da me descritti, andare di più la notte rispetto al giorno e il getto ad intermittenza, possono considerarsi normali all'età di 74 anni? Quali le differenze tra ingrossamento benigno e non nei sintomi?
Vorrei capirne di più visto che il rete si legge di tutto tra sintomi su ipertrofia prostatica benigna e non. Il soggetto in questione assume Prostamol.
Grazie
Cordialmente

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
I lievi disturbi riferiti sono assolutamente tipici per l’ingrossamento benigno della prostata e l’età. Il loro significato varia ovviamente in base all’intensità ed all’impatto sulla qualità di vita, che è sempre abbastanza soggettivo. Il tumore della prostata ha un quadro completamente diverso, non manifesta in genere alcun disturbo specifico, in particolare sulle vie urinarie, alla diagnosi si arriva combinando vari elementi di giudizio, tra cui appunto la visita diretta, l’ecografia, il PSA, eccetera. Gli integratori di origine vegetale sono molto diffusi, più che altro per l’assenza di effetti collaterali, l’efficacia è invece piuttosto variabile ed imprevedibile. In caso di disturbi intensi, in genere si valuta l’efficacia di altri farmaci (alfa-litici). Quando la terapia farmacologica non è più in grado,di controllare efficacemente i disturbi, si passa alle indicazioni operative, oggi quasi esclusivamente endoscopiche. A distanza non è possibile trarre quindi delle conclusioni, per le quali è indispensabile la valutazione specialistica diretta.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
Grazie dottor Piana per la consueta disponibilità.
Quindi i sintomi che ho descritto fanno parte del naturale avanzamento dell'età e possiatmo stare tranquilli.
Cordiali saluti