Utente 194XXX
Gentile dottore, da qualche mese soffro di un fastidioso problemino. Sento lo stimolo frequente di urinare, con un dolore al basso ventre (come se stessi trattenendo la pipì da ore...anche se non è così). Vado in bagno ogni volta che sento questo dolore, ma a parte la prima minzione, le seguenti sono molto scarse. Mi capita sopratutto la sera, la notte e il mattino (il dolore al mattino sembra più forte). Non ho dolori nel fare pipì ma volte sembra che devo "sforzarmi" per urinare, per svuotare bene la vescica.
Questo "problemino" diventa ancora più fastidioso quando io e mio marito abbiamo dei rapporti, perchè durante i preliminari io devo andare in bagno più volte.
Prendo la pillola da 3 anni (Yasmine) e non mi ha mai causato problemi. Adesso ho un po' di calo del desiderio ma credo sia più dovuto a questo problema del frequente stimolo che non mi fa stare tranquilla e rilassata in quei momenti.
La mia dottoressa mi ha prescritto un urinocoltura e un esame delle urine, per escludere infezioni. Mi ha detto che potrebbe anche essere un fatto "psicologico" (tipo stress o altro).Volevo avere un vs parere.
Spero di essermi espressa in maniera corretta per farle capire bene i miei sintomi.
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2004
Cara Utente,

direi che il primo passo è senza dubbio un esame delle urine con urinocoltura come correttamente le ha consigliato il suo curante. Sulla base delle risultanze si decideranno i passi successivi.

Molto cordialmente

Dr. Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
https://www.ipertermiaitalia.it/

[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino

28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
concordo pienamente con quanto prospettato nella risposta del Collega PASTORE. Correttissimo.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
Prof. Giovanni MARTINO
giovanni.martino@uniroma1.it

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,
come già ha sospettato il suo medico curante potrebbe trattarsi di una infiammaziopne delle vie urinarie. Nell'attesa degli esami prospettati un consiglio urologico semplice ma a volte efficace ,in questi casi ,è quello di aumentare la sua idratazione . Cerchi di bere almeno 1-2 litri di acqua al giorno , fuori dai pasti principali e non nelle ore serali.
Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 194XXX

Gentili Dottori,
ho ritirato oggi i risultati oggi. Ho già prenotato un appuntamento con il mio dottore, ma volevo comunque avere un Vostro parere,se possibile.

Questi sono i valori dell'esame delle urine:
Colore: incolore
Leucociti: 250 (valore standard 0-25)
Es. microscopico del sedimento: alcuni batteri. C.A. 5-10 leucociti/campo M.
(gli altri valori sono nella norma e non c'è nessuna segnalazione in particolare)

esame colturale: negativo
carica batterica: 10^4 colonie/ml
Identificazione: flora mista contaminante.

Questi valori possono essere la causa del disturbo che vi ho descritto? Sta diventando veramente fastidioso, adesso mi alzo anche 3-4 volte durante la notte.
Vi ringrazio anticipatamente per la Vostra attenzione.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,
le valutazioni di primo livello , fatte fare dal medico curante , fanno pensare ad un problema irritativo di tipo infiammatorio a livello delle vie uro-genitali con un numero di globuli bianci alto nelle urine anche in presenza di una valutazione colturale negativa.
A questo punto potrebbe essere utile un ultimo parere del suo medico curante ed una eventuale successiva valutazione urologica per prendere le ulteriori decisioni diagnostico - terapeutiche.
Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino

28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
direi che il Collega che La sta seguendo clinicamente saprà interpretare il referto, in effetti un pò contradditorio, che ci ha segnalato nella Sua mail.
Credo sia appena il caso di sottolineare che, nel prescrivere un esame colturale delle urine, occorra sempre essere molto precisi a proposito di "cosa" si vuole cercare...in una gamma vasta di microrganismi, parassiti e miceti.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema; ci tenga informati. Un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
Prof. Giovanni MARTINO
giovanni.martino@uniroma1.it

[#7] dopo  
Utente 194XXX

vi ringrazio per la Vs. attenzione e le Vs. preziose informazioni. Vi farò sapere non appena parlerò con il mio medico

[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
a questo punto, comunque una valutazione urologica diventa un passo fondamentale per meglio capire la sua situazione clinica.
Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#9] dopo  
Prof. Giovanni Martino

28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
la Collega che La sta seguendo clinicamnete mi sembra ottimamente orientata. Direi che sottoporre, oltre che al Forum (cosa che non può che fare enorme piacere a noi che abbiamo scelto di portarvi il nostro contributo), alla Sua Dottoressa sia la cosa migliore da fare. Lei saprà di certo come, dove, quando ed a chi indirizzarLa.
Affettuosi auguri per tutto e cordialisismi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
Prof. Giovanni MARTINO
giovanni.martino@uniroma1.it

[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,
rimane sempre comunque valida l'indicazione a consultare, soprattutto se i disturbi dovessero permanere od aumentare, un collega urologo eventualmente consigliato dal suo medico di medicina generale.
Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#11] dopo  
Utente 194XXX

Gent.mi Dottori,
la mia dottoressa mi ha consigliato di prendere una bustina di monuril, una "terapia" secondo lei non è necessaria in quanto dagli esami non si riscontra nessuna infiammazione "grave" o specifica.
Il farmaco l'ho preso...il dolore al basso ventre sembra passato. Ma resta comunque il fatto che... lo "stimolo" di fare pipì è più frequente la sera,la notte, la mattina ...e sopratutto nei momenti "intimi" con mio marito che ormai si sono praticamente annullati a causa di questo incoveniente che non mi fa vivere "tranquillamente" quei momenti. Sto cominciando a pensare che sia davvero un problema "psicologico" dovuto magari all'agitazione,allo stress e quant'altro. Non so più cosa pensare ... voglio risolvere questo problema al più presto. Sono sposata da 4 mesi e ultimamente mi sento davvero un po' giù a causa di tutto questo. Vi ringrazio davvero per tutti i Vostri consigli e la Vs. preziosa attenzione.

[#12] dopo  
Prof. Giovanni Martino

28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non ho capito: la Collega decide che una terapia non è necessaria e poi le somministra un farmaco? Quello che Le ha consigliato non è mica una tisana!
Detto questo: stress? Si possibile. Ma il Suo Ginecologo che ne pensa? O il Suo Ginecologo sarebbe la Dottoressa?
Mi faccia sapere.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
Prof. Giovanni MARTINO
giovanni.martino@uniroma1.it

[#13] dopo  
Utente 194XXX

Gent.mo Prof. Martino, si, la dottoressa è la mia ginecologa. Perchè tutto è cominciato dalla visita di controllo per la pillola che faccio ogni anno, le ho parlato di questo disturbo che avevo. Dalla visita non ha riscontrato nulla, niente cistiti,niente problemi "interni". Mi ha consigliato di fare quegli esami relativi alle urine per vedere se poteva esserci un infiammazione. Visto che gli esami non hanno riscontrato un'infiammazione specifica, ha preferito non darmi nessun antibiotico "a lungo termine" ma solo questa dose di monuril.
Secondo lei è stato un errore? Io per il momento non ho più dolore, la frequenza con cui vado in bagno si è abbastanza ridotta in questi pochi giorni ...anche se sto ceracndo di bere comunque molto e quindi...in bagno ci vado comunque! Durante il giorno il disturbo è molto meno, ma la sera e sopratutto la mattina prima di alzarmi andrò in bagno almeno 10 volte (sempre con minzione ridotta)! Ho pensato allo stress, perchè comunuqe la sera e la notte sono momenti in cui uno si rilassa ... e magari...
La ringrazio molto per la Sua attenzione e mi scuso per il tempo che Le occupo con le mie domande.

[#14] dopo  
Prof. Giovanni Martino

28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
se la sintomatologia sta lentamente regredendo ed i segni clinici migliorano, non vedo motivo per non seguire le scelte terapeutiche della Sua Ginecologa. Non deve scusarsi di aver richiesto un consulto nel Forum: siamo qui per questo e assolutamente liberi nella scelta di esserci.
Affettuosi saluti per la completa risoluzione dei Suoi problemi. Cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
Prof. Giovanni MARTINO
giovanni.martino@uniroma1.it

[#15] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,
anche se la sintomatologia ,dopo somministarzione di un antibiotico ,si riduce e visto il protrarsi del disturbo è bene capire l'eventuale causa o cause che l'hanno scatenato , se possibile. E qui lo specialista da consultare e che deve attentamente e direttamente valutare la sua situazione clinica è l'urologo non il chirurgo generale (infatti lei saggiamente ha chiesto un nostro parere come uriologi).
Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com