Salvaguardiamo la fertilità dei nostri figli

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 01 giugno 2016

 Questo è un messaggio importante lanciato da Stresa, in questi giorni, dove si è tenuto il XXXII Congresso Nazionale della Società Italiana di Andrologia (SIA); infatti uno dei temi più discussi ed interessanti trattati in questa bella cittadina, affacciata sul Lago Maggiore, è stato proprio quello sulla prevenzione della infertilità maschile, fatta in età evolutiva, arrivando a postulare e proporre un progetto complesso ed articolato che dovrebbe coinvolgere, oltre ai nostri andrologi, anche tutti i pediatri italiani.

 

                 

 

Oggi sul nostro territorio nazionale possiamo calcolare che circa 250-300mila coppie hanno problemi a riprodursi e che in circa la metà dei casi tutto ciò è dovuto ad un problema maschile; sappiamo anche che uno su due adolescenti può avere un problema andrologico che potrebbe portare ad un infertilità in un futuro prossimo venturo.

 

     

                                      Stresa e le sue Isole Borromee

 

Dal Congresso di Stresa sono uscite queste cinque importanti raccomandazioni, rivolte in modo particolare ai genitori per proteggere e salvaguardare la fertilità futura dei propri figli, che possono essere così riassunte:

1) Eseguire i controlli previsti per individuare precocemente eventuali patologie congenite e poterle trattare adeguatamente prima che provochino danni.

2) Prestare massima attenzione all’abuso di alcool, droghe, fumo e doping sportivo, in aumento esponenziale tra gli adolescenti

3) Mantenere uno stile di vita sano: curare l’alimentazione, che deve essere equilibrata e ricca in frutta e verdura, evitare l’eccessivo aumento ponderale, far praticare una sana attività sportiva. Fin dall’infanzia l’obesità è pericolosa per la salute sessuale anche perché incide sulla produzione degli ormoni maschili.

4) Evitare l’eccesso di calore a livello scrotale. Anche quello di un computer appoggiato sulle gambe che provoca un aumento della temperatura e può essere dannoso. Preferire quindi indumenti intimi di cotone, non sintetici ed evitare i pantaloni con il cavallo stretto.

5) Limitare, per quanto possibile, l’esposizione agli inquinanti. L’inquinamento, di qualsiasi tipo, da quello dell’aria a quello degli alimenti, incide sul danno testicolare e quindi sulla produzione ormonale del futuro uomo.

 

Altre informazioni:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-la-prevenzione-andrologica-nell-eta-pediatrica-e-puberale.html

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche infertilità maschile 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati