Con questa new penso di chiarire i dubbi di numerose utenti che pongono quesiti su questo argomento.

Quando il momento in cui si attende la comparsa della mestruazione non è, per vari motivi, conveniente per la donna, è possibile e privo di conseguenze variare le modalità di assunzione. Il modo più soddisfacente è di continuare iniziando un nuovo blister (confezione) SENZA INTERRUZIONE, assumendo in questo modo 42 o addirittura 63 pillole continuativamente (mi riferisco alle pillole da 21 confetti).

Quasi sempre nella maggior parte dei casi l'amenorrea (mancato flusso mestruale) durerà per il periodo desiderato. A volte potrà comparire la cosidetta " emorragia da rottura" quanto si assumono formulazioni trifasiche o anche monofasiche a basso dosaggio.

E' sconsigliata l'interruzione della assunzione a metà di una confezione; tuttavia ciò è possibile se si desidera la comparsa delle mestruazioni in un periodo particolare.In questi casi normalmente la mestruazione compare da due a cinque giorni dall'assunzione dell'ultima pillola.

E' tuttavia preferibile completare una confezione ed iniziarne una nuova piuttosto che fermare l'assunzione a metà ciclo. ll primo metodo assicura l'efficacia contraccettiva, il secondo no.