L'American Academy of Ophthalmology ha individuato cinque elementi, fra esami diagnostici e trattamenti terapeutici, di cui si potrebbe fare tranquillamente a meno.

Ecco ciò che in Oculistica puo comportare inutili perdite di denaro e di tempo:

1. Esami medici pre-operatori, tra cui esami comunissimi come l'elettrocardiogramma e la glicemia, non sono necessari prima della chirurgia oculare, a meno che non vi siano particolari indicazioni che ne suggeriscano l'utilità.

2. Esami di diagnostica per immagini (es. OCT, Fluorangiografia retinica, Topografia corneale, RMN, ecc.) non devono essere prescritti di routine, a meno che non ci siano dei fondati sospetti che spingano verso un approfondimento diagnostico.

3. Gli antibiotici non devono essere prescritti nelle congiuntiviti virali.


4. Gli antibiotici non dovrebbero essere prescritti né prima né dopo le iniezioni intravitreali (su questo punto si può opinare, NdA).

5. I Punctal Plugs non dovrebbero essere utilizzati nel trattamento dell'occhio secco, se non sono state prima utilizzate altre opzioni terapeutiche, tra cui le lacrime artificiali, i gel lubrificanti, e gli impacchi caldi.

 

La "medicina difensiva" ci porta spesso a prescrivere esami o trattamenti terapeutici che, dal punto di vista scientifico, non hanno nessuna motivazione razionale. In un epoca di notevoli difficoltà economiche come quella attuale, approfittiamone per cambiare atteggiamento!