Utente 900XXX
Gentilissimi medici,
sono un ragazzo di 24 anni che non riesce a capire se andare più a fondo in una sospetta celiachia. I problemi che accuso da tempo sono sempre gli stessi:

defecazioni incomplete e feci pesanti;
flautolenza;
gengive avvolte fragili;
sbalzi di umore;
muco, soprattutto se abuso con la pasta e pane;
bruciori di stomaco da poco;
nelle ultime analisi del sangue è stata riscontrata una lieve anemia.

L'anno scorso mi hanno effettuato le anailisi del sangue per una sospetta celiachia e sono risultati negativi:

Alfa gliadina - anticorpi di classe IgG;
Anti-transglutaminasi anticorpi di classe IgA;
Anti-transglutaminasi anticorpi di classe IgM.

Solo il valore degli Alfa Gliadina - anticorpi di classe IgA non rientrava nei valori di riferimento con il valore di 12,1 ng/ml mentre il valore di riferimento è compreso tra [0,0 - 5,9].

é da escludere la celiachia? O dovrei approfondire con altri esami? Grazie per la vostra disponibilità, in attesa di una vostra risposta vi porgo cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Spicola
24% attività
4% attualità
8% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Sarebbe consigliabile provare a seguire una dieta priva di glutine e valutarne gli effetti sui disturbi riferiti:se questi si riduco, l'ipotesi di una Malattia Celiaca può essere presa in considerazione.Infine può essere effettuato un esame istologico su biopsia duodenale per avere un riscontro morfologico.
[#2] dopo  
Utente 900XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la sua risposta tempestiva...Mi potrebbe consigliare che tipi di esami mi devo far prescrivere dal mio medico più specifici per indagare sull'intolleranza al GLUTINE prima di effettuare l'esame istologico? Sono curioso di verificare come reagiscono i miei anticorpi in questo momento, anche perchè il primo test l'ho fatto l'anno scorso e addirittura mi avevano detto che quel valore degli Alfa Gliadina - anticorpi di classe IgA non avesse alcun significato da solo e che mi sarei dovuto limitare a mangiare meno alimenti con il glutine...boh! Un ultima cosa ho capito che il mio organismo tenderebbe anche a "rifiutare" il latte e derivati, mi potrebbe consigliare anche che tipo di analisi effettuare per andare in fondo sulla categoria dei LATTICINI?

P.S: mi sono rivolto a lei perchè finalmente mi ha ha dato un parere diverso da altri medici che non mi hanno saputo dare informazioni più dettagliate, compreso il mio medico di famiglia. La terrò comunque informata sugli sviluppi di eventuali analisi sempre se avrà il tempo a disposizione per rispondere.

Grazie infinite in anticipo per la sua disponibilità

Distinti saluti


[#3] dopo  
Dr. Michele Spicola
24% attività
4% attualità
8% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Come ho già detto, è consgliabile valutare prima di tutto gli effetti di una dieta priva di glutine. Successivamente si prenderanno in considerazioni ulteriori indagini.
In ogni caso deve farsi seguire da un gastroenterologo. Le sconsiglio di prendere iniziative da solo. In questa sede possiamo dare delle indicazioni generali, ma il caso specifico deve essere gestito direttamente da un medico competente.
Inizi quindi a parlarne con il suo medico di base.
Mi tenga informato
[#4] dopo  
Utente 900XXX

Iscritto dal 2008
Grazie di nuovo per la sua risposta come posso la terrò volentieri informato...saluti!
[#5] dopo  
Utente 900XXX

Iscritto dal 2008
Gentilisso medico,

ho appena ricevuto gli esiti del prelievo del sangue su una sospetta intolleranza al glutine...

Deacrizione Esame:

GLIADINA Abs IgA 8,7 UA/ml
< 12 Negativo
12 - 18 Dubbio
> 18 Positivo
GLIADINA Abs IgG 3,6 UA/ml


ENDOMISIO IgA (Anticorpi EMA) Negativo

ENDOMISIO IgG (AnticorpI EMA) Negativo

TRANSGLUTAMINASI(IgA) <3 Negativo

Quindi la celiachia e da scartare?

Cordiali saluti...



[#6] dopo  
Dr. Michele Spicola
24% attività
4% attualità
8% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Questi valori in effetti non sono tali da consentire una diagnosi di celiachia.
Ad ogni modo la invito sempre a rivolgersi ad un gastroenterologo che potrà indirizzare al meglio l'iter diagnostico.
[#7] dopo  
Utente 900XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio!