Utente 283XXX
Buongiorno a tutti. Da sempre il mio compagno ha minzioni notturne molto frequenti (3-4), non lamenta nessun dolore nè l'urina risulta essere di colore alterato; durante l'arco della giornata non sembra però bere in misura dell'urina espulsa. la sua attività lo costringe a rimanere seduto per lunghe ore e, a volte, a rimanere senza la disponibiltà di un bagno, le minzioni diurne sono di 4-5. il problema è che il sonno viene continuamente interrotto con situazioni di stress e di nervosismo comprensibili. vorrei sapere se è un quadro contestualmente "normale" oppure ci sono delle indagini da svolgere e quali. grazie per l'aiuto. Barbara

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Cara Barbara,

senza dubbio è opportuno svolgere qualche indagine. Non perchè ci sia nulla di grave ma per verificare che sia tutto in ordine e risolvere un problema che diventa psicologicamente stressante. Io inizierei con un esame delle urine con urinocoltura e successivamente eseguirei una ecografia reni e vie urinarie + una ecografia prostatica transrettale.

Sempre a disposizione, un caro saluto

Dr. Carlo Pastore
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
credo che il modo migliore per iniziare a comprendere l'esistenza ed i connotati di una eventuale patologia non sia mai autoprescriversi un esame di laboratorio o strumentale. Consiglio al Suo compagno una visita clinica generale approfondita, con scrupolosa raccolta anamnestica, dal Suo Medico di base.
Ci faccia sapere.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sarebbe utile una valutazione urologica per poter decidere il giusto iter diagnostico e terapeutico partendo da esami di base come esame urine ed urinocoltura
[#4] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Concordo nell'indicazione ad una visita urologica.

Cordialmente,

Edoardo Pescatori
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
potrebbe essere una prostatite cmq le consiglio una visita urologica
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
a mio parere, una visita Specialistica, qualsiasi essa sia, non dovrebbe mai essere una autoprescrizione, ma scaturire da una corretta indicazione che dovrebbe provenire dal Suo Medico di base.
Solo per puntualizzare un mio radicato convincimento.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#7] dopo  
Dr. Alessandro Valdiserri
24% attività
0% attualità
0% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
Caro utente,
sarebbe opportuno in prima isatnza consultare il proprio medico di base e farsi prescrivere alcuni esami tipo esame completo delle urine con sedimento ed urinocoltura. Ritengo utile in un secondo tempo una visita specialistica urologica.
Cordiali saluti.
Dott. alessandro Valdiserri
[#8] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Cara signora mi allineo al parere autorevole del prof Martino, ovvero le consiglio di accompagnare il suo partner dal medico di base che ascoltando la problematica sicuramente gli prescriverà alcune indagini di primo livello e sicuramente gli consiglierà una visita urologica. Non condivido assolutamente l'opportunità da qualcuno balenata di far eseguire al suo partner una ecografia prostatica transrettale e ricordo che secondo le ormai ben note linee guida internazionali (oltre che nazionali), l'ecografia prostatica transrettale essendo una manovra invasiva va riservata a casi selezionati e ben precisi come ad esempio per l'effettuazione contestuale di una agobiopsia prostatica. Dico ciò senza volere entrare in polemica con nessuno.
Cordiali saluti ed auguri al suo partner
Dott. Daniele Masala.
[#9] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
ho piacere di condividere i pareri dei Colleghi VALDISERRI e MASALA.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#10] dopo  
Dr. Tommaso Corvasce
24% attività
0% attualità
0% socialità
ACCADIA (FG)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Prima osservazione: il suo compagno soffre di insonnia od assume farmaci neurolettici ?.
Poi: visti i problemi riferiti credo sia giusto, come i colleghi hanno gia' stressato, iniziare con una routine emtochimica generale ,es. urine e poi eseguire un foglio minzionale nelle 24 ore per 3-4 gg. utile una ecografia app. urinario ed una uroflussometria con valutazione di residuo post-minzionale. a questo punto rivalutazione da urologo di fiducia. arrivederci.