Utente 134XXX
Grazie per questa opportunità!
Ho sentito nominare dell'omocisteina casualmente da mia nuora che ha avuto qualche problema al riguardo. In famiglia molti dei miei parenti hanno avuto problemi di ictus, quindi ho chiesto al mio medico curante se era il caso di controllare i miei valori di omocisteina; ho eseguito il primo esame il 16 aprile scorso e il valore era di 33,5. Ho chiesto sempre al mio medico cosa dovevo fare e se dovevo assumere delle compresse di Folina 5mg come mia nuora.
Il mio medico mi ha risposto che non sapeva se l'acido folico può risolvere il mio problema, mi ha detto di lasciare perdere in considerazione del fatto che già da tempo sono in terapia con cardioaspirina 100 mg.(in seguto ad una ischemia cerebrale in forma lieve, che mi ha procurato una diplopia all'occhio destro).
Parlando del fatto alla mia farmacista del paese mi ha consigliato comunque di assumere una compressa al giorno di Folina 5 mg poichè non ha rilevanti effetti collaterali, poichè trattasi di una vitamina. Ho seguito il consiglio ed ho rifatto l'esame del sangue il 18 giugno u.s. il valore è sceso a 23,0.
Da allora ho assunto sempre la Folina, l'ultimo esame del sangue del 23 settembre u.s. il valore è aumentato a 27,4. (ogni 3 mesi devo fare esame del sangue per un problema di PSA).
Chiedo: cosa devo fare? devo rivolgermi ad un centro specializzato, visto che il mio medico non conosce l'argomento? posso continuare ad assumere una compressa di Folina/die?
Infine ad ogni esame del sangue vicino al valore omocisteina c'è sempre una postilla del Laboratorio che ha eseguito l'analisi che spiega che i valori possono essere falsamente elevati se si assumano metotressato, ac. nicotinico, teofillina, ossido nitroso o L-dopa. (forse questi elementi sono presenti nel farmaco "RYTMNORM 325") che purtroppo devo assumere due volte al giorno per un problema di tachicardia parossistica sopraventricolare? Se il Rytmonorm è la causa di questo innalzamento dell'omocisteina sono a rischio?
Ringrazio per la cortese attenzione e attendo una Vs risposta
Grazie ancora.

Edoardo anni 64

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'omocisteinemia non è ancora considerato un fattore di rischio predittore di eventi cardiaci maggiori, è pertanto in assenza di una franca familiarità per patologie cardiovascolari, non va necessariamente trattato. La correzione dell'iperomocistenemia è quindi da valutare in un contesto clinico globale, cosa nota solo al medico o allo specialista cardiologo che la segue.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 134XXX

Iscritto dal 2009
Mi scusi se le rispondo solo ora, ma ho avuto alcuni impegni...
La ringrazio per la sua risposta, ma tenere il valore dell'omocisteina alto dovuta a un farmaco o altro, non mi deve preoccupare? non sono a rischio? visto che in famiglia ci sono stati molti episodi di ictus? dai vari esami del sangue l'omocisteina oscilla da 27 a 33 pur prendendo una pastiglia al giorno di Folina 5mg.. Il mio medico non sa cos'è e mi ha detto che lui non sa se l'acido folico può far bene in questi casi. Il Cardiologo interpellato (per altri problemi di tachicardia) non mi ha detto assolutamente niente, mi ha fissato un controllo cardiaco nel settembre del 2010.
Di nuovo grazie infinite per la sua attenzione