Utente 294XXX
Salve!Sono nuova....vi scrivo xchè sono un pò spaventata...nell'arco di un anno e mezzo ho avuto due episodi di tachicardia parossistica con 300 battiti al minuto!La prima volta(1 maggio 2005) a seguito di una nottata passata a vomitare per una gastroenterite credo, la seconda(23 dicembre 2006),a distanza di un anno e mezzo, subito dopo pranzo appena alzata in piedi.Mi portano al p.soccorso...la prima volta mi passa grazie al massagggio senocarotideo(ricoverata per 1 settimana mi fanno ecocuore e holter ma non risulta niente fuori norma mi dimettono con Tenormin che però non prenderò), la seconda non ci sono riusciti e mi hanno fatto una puntura di Isoptin....cmq l'esito è Tachicardia Parossistica SopraVentricolare ... recentemente mi hanno fatto fare lo studio elettrofisiologico, che per me è stato un incubo, mi hanno fatto tornare la tac. a 300 e mi hanno spedita a casa con Rytmpnorm 320 mg 2 volte al dì....ci tengo a sottolineare che peso 43 chili e ho 27 anni...e che mi hanno detto che devo fare assolutamente l'ablazione,e io non vorrei....Cmq dopo pochi giorni di Rytmonorm mi sento male..ho il fiato corto mi sento svenire e mi girava la testa.. vedo nero...io soffro anche di pressione bassa...Sospetto che il dosaggio fosse troppo elevato ( e lo avevano anche alzato!)...e cmq non stavo affatto bene...mi portano al pronto soccorso...e li mi dicono che forse era per il dosaggio..ma ci hanno tenuto a non incolpare troppo il medico che mi aveva prescritto le pillole...Cmq il risultato dello studio( secondo me inutile perchè mi ha stressato ancora di più il cuore e ora mi sono rimasti i battiti un pò alti.) elettrofisiologico transesofageo è il seguente:DI BASE RITMO SINUSALE REGOLARE NORMALE RISERVA FUNZIONALE DEL NAV . NORMALI TRNS E TRNSC: CON LA STIMOLAZIONE ATRIALE PROGRAMMATA CON CICLO DI BASE DI 460 MS, 1° EX 280 MS, 2° EX 400MS, SI è INDOTTA TACHICARDIA SOPRAVENTRICOLARE A 300 BPN, CICLICAMENTE SINTOMATICA, A COMPLESSI STRETTI MA A TRATTI CON PRESENZA DI ONDA DELTA(?) SUGGESTIVA DI PREECCITAZIONE VENTRICOLARE(TACHICARDIA ANTIDROMICA?).si è PROCEDUTO AD OVERDRIVE A 350 BPM CON ITERRUZIONE DELL'ARITMIA. e' CONSIGLIABILE ABLAZIONE.NEL FRATTEMPO SI CONSIGLIA RYTMONORM 425 MG PER 2
Ci tengo a precisare che ora non prendo niente e sono scoperta..ma ho paura di futuri attacchi e della pericolosità..Riguardo l'ablazione...ho sentito cose poco rassicuranti...C'è da dire poi che sono anni che soffro di Ernia iatale ed esofagite da reflusso...ora prendo lucen 40 ogni giorno..ma è un pò che non mi controllo(credo che a breve ripeterò la gastroscopia)...ora, so che l'ernia può portare aritmie extrasistole...ma la tachicardia a 300?!Forse può essere una delle cause stimolanti in soggetti predisposti come me?Oppure non c'entra niente?O c'entra tutto?Bah....Vi prego rispondetemi perché ci sono medici che dicono di lasciarmi stare così visto che gli episodi sono lontani tra di loro, e medici che dicono sia urgente l’ablazione perché potrebbe venirmi in auto o chissà dove e non saprei cosa fare!..secondo l’ultimo cardiologo non posso fare altro che procurarmi il vomito(ma non è peggio?) e prendere gocce calmanti tipo xanax e andare al p.soccorso.Io invece mi chiedevo se non fosse possibile prendere i betabloccanti solo all’occorrenza dato che io non le ho giornalmente le crisi e i betabloccanti non mi fanno stare bene…(prima del Rytmonorm mi avevano prescritto il Tenormin, ma l’attuale cardiologo me lo aveva tolto, anche perché non mi sentivo così bene…).Ora sono passate più di 3 settimane e solo ora mi sto riprendendo. Fino a ieri i battiti erano più alti del normale, e salivano ancora di più al minimo movimento o agitazione…il medico mi ha prescritto qualche goccia di Xanax per starmi tranquilla…e per non agitarmi non mi sto più misurando i battiti…cmq ho paura perché credo che ad ogni attacco il cuore ne risenta, come questa volta …in più credo di sentire un ritmo anche un po’ irregolare..prima un po’ più forte poi un po’ debole…non saprei spiegarmi meglio…Mi attende un’altra visita da un aritmologo e se anche questo dirà che devo fare l’ablazione mi sa che mi tocca..e non ho idea di quale struttura sia la migliore in Italia….e sono anche spaventata!
P.S. dalle analisi del sangue la tiroide sembra ok ma devo fare l'eco al collo...ho il ferro ,i globuli bianchi e il calcio e l'ematocrito e emoocromo bassi....soffro di pressione bassa...e precedentemente ho sempre avuto piccoli attacchi di tachicardia che però non arrivavano a 300 e o passavano soli, o con un pò di valium sparivano con lo spavento...e molto spesso mi capitava dopo i pasti..e a volte no...Ho smesso di bere caffè da anni(tranne il periodo della prima tachichicardia parossistica, avevo ripreso ma in seguito a quella ho smesso subito.E in quel periodo non prendevo medicine per l’ ernia,e nel 2° episodio mi ero scordata di prendere la pillola di lucen proprio quel giorno..)ho smesso di fumare più di due anni fa dopo 10 anni di fumo...e basta credo..o meglio non vi voglio annoiare oltre...ora sono a casa ancora a riposo ..le pulsazioni ancora un pò alte...mi sento strana e non so che fare...help me!Qualcosa mi dice che potrebbe c’entrare l’ernia, ma forse è solo la voglia di non fare l’ablazione..è solo che ho sentito che fisicamente l’ernia può “gonfiarsi” e andare a “sbattere” contro il cuore e causare la tachicardia…ed il fatto che il primo episodio sia successo durante una delle nottate(almeno una ogni 2 anni e secondo me la causa che mi ha fatto venire l’ernia iatale) passate a vomitare per più di 12 ore mi fa pensare…il fatto che proprio il giorno del 2° episodio avevo scordato al mattino di prendere la pillola…Insomma non so…e in tutto ciò devo laurearmi e pensare a mille altre cose……Ringrazio in anticipo il medico che vorrà rispondermi!
Simona R.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Ragozzino
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
l'urgenza dei suoi problemi merita una attenta ed esaustiva valutazione.
Tralasciando le cause cardiache che sono, da come Lei descrive, valutate con la dovuta professionalità, è indispensabile rivalutare le altre possibili patologie che sottendono la tachicardia come effetto.

1)La presenza di malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) impone la necessità di una terapia combinata composta da un inibitore di pompa protonica (come è appunto l'esomeprazolo, Lucen, al dosaggio di 40 mg) somministrato al mattino al risveglio, in associazione ad un procinetico (domperidone, metoclopramide, levosulpiride) da somministrare ad ogni pasto principale (colazione, pranzo e cena) ed eliminando gli alimenti come la menta, il cioccolato, i grassi animali etc e le bibite gassate. Appare improbabile che la dimenticanza di una singola somministrazione determini la comparsa dell'aritmia.

2) Lo studio della funzionalità tiroidea prevede il dosaggio di fT3, fT4, TSH, abTPO, abHTG, ecografia tiroidea e se necessaria sintigrafia tiroidea. Pertanto se vuole riporti gli esami già eseguiti per una valutazione.

3) L'anemia iposideremica può contribuire alla esacerbazione della sintomatologia aritmica.

Come vede sono identificabili patologie in grado di determinare la comparsa di aritmie accessuali ed è buona norma operare uno studio diagnostico differenziale teso ad escludere cause extracardiache.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2007
Salve Dott.Ragozzino, innanzi tutto la ringrazio per avermi risposto così velocemente!Allora, per quanto riguarda il reflusso a breve dovrò farmi una visita con relativi esami perchè è un pò che non mi controllo e solo allora saprò se è peggiorata la situazione...e mi prescriveranno sicuramente il procinetico che adesso non assumo ma che sono sicura dovrei assumere.
Per quanto riguarda la tiroide le riporto i risultati delle ultime analisi fatte, anche se non ci sono abTPO e abHTG che, perdoni la mia ignoranza, non so bene cosa siano e non me li hanno mai indicati...cmq provvederò, e presto farò l'eco al collo. In più le riporto qualche valore dell'emocromo che fa sospettare una lieve anemia..per ora sto facendo una cura di Ferro+Folina+Vita c+Betotal per cercare di tirare un pò su i valori...e a breve ripeterò le analisi.Ecco i valori:
FT3.............3,86 miU/ml 2,57- 4,43
FT4.............1,56 ng/dl 0,93- 1,71
TSH.............1,7 uIU/ml 0,27- 4,20

Emocromo:

Globuli Bianchi........4,5 x10^3 uL 5,2- 12,4
Globuli Rossi..........4,41 x10^6 uL 4,20- 6,10
Emoglobina.............11,5 g/dl 12,0- 18,0
Ematocrito.............33,4 % 37,0- 52,0
MCV....................75,7 fl 80,0- 99,0
MCH....................26,2 pg 27,0- 32,0
MPV....................7,0 fl 7,4- 10,4
Piastrinocrito.........0,21 % 0,1- 15,0

Per ora non ho altro..ho aspettato stasera per risponderle perchè pomeriggio sono stata da un altro aritmologo, e volevo aspettare il suo parere...Bè diciamo che mi ha messo una certa ansia dicendomi che devo urgentemente fare l'ablazione perchè rischio anche di morire...(!)E' stato anche un pò brusco tanto che mia madre ci ha quasi litigato..in più spingeva per un centro a Bari dove poterla fare perchè c'è un suo bravo collega..e che li è possibile farla in anestesia generale senza sentire nulla(?)...Ora, spavento a parte, sono un pò confusa, ancora non ho un aritmologo di fiducia e ci sono la metà dei medici che ho consultato che mi dice di non fare l'ablazione e metà che mi fa capire che potrei morire da un momento all'altro!Ed in più quando gli si chiede quale sia la struttura migliore dove eseguire l'ablazione (se si deve fare...) ognuno di loro dice cose diverse a seconda dei colleghi da loro conosciuti. Io non posso sapere qual'è la migliore struttura però mi devo preoccupare perchè cmq è una cosa delicata ed io sono esile e spesso cagionevole(loro liquidano l'ablazione come un intervento di routine banale paragonato ad un intervento a cuore aperto!)...è possibile avere dei pareri così distanti?!C'è per chi l'ernia c'entra tutto e per chi non c'entra nulla...sono più confusa di prima e in tutto ciò ho ancora i battiti un pò accelerati e per me irregolari...è un mese che mi riposo, rischio di far saltare la tesi e non sto ancora meglio anzi....Scusi lo sfogo ma oggi quel medico mi ha fatta un pò arrabbiare..non mi ha neanche auscultato!
Ancora mille grazie!
[#3] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2007
Per favore!!!!!Non mi risponde più nessuno....ho aggiunto anche un altra richiesta ma mi sonno spiegata male e i cardiologi che mi hanno risposto non hanno letto questa!!!E' qui che ci sono i risultati di tutti gli esami....uffi...GRAZIE...