Utente 138XXX
Mia mamma di 87 anni lamenta continuamente insensibilità,formicolio e raffreddamento delle gambe quando rimane seduta ,quindi sente la necessità di alzarsi e camminare.La notte essendo ben coperta non ha questo problema,ma il disturbo risale all'estate scorsa quando era infastidita anche da un leggero flusso dell'aria condizionata.ha problemi cardiaci con sbalzi di pressione che va da una min. di 60 a 92 e una massima da 120 a185 ; è in cura con CONDIUREN-20mg-DOXAZOSIN-2mg[CARDURA]:Si cura anche con SIRDALUD e VOLTAREN ,per continui dolori ad una spalla(durante la notte)e per una sciatica persistente.
Dalle lastre risultano due vertebre spostate , un evidente artrosi ed una calcificazione ateromasica risultata dalla Risonanza magnetica.Pesa 55 kl,è alta circa 1,55mt, (come risulta dai dati rilasciati all'iscrizione).GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Cara amica di Brescia, il problema alle gambe della mamma è, verosinilmente di natura artrosica. Direi che la patologia vertebrale sostiene questa ipotesi diagnostica. Quanto detto non toglie affatto il problema della patologia arteriosa, come è normale che sia, non solo per l'età, ma anche per lo stato ipertensivo. La invito a ricordare che i valori della pressione arteriosa variano continuamente, e, a differenza dii quello che fanbno un pò tutti, è bene considerare i valori più alti, e sopratutto l'ipertensione arteriosa va continuamente tenuta sotto controllo terapeutico. Infine, per la terapia da lei riferita, impossibile potere entrare in giudizi e tanto meno in correzioni.Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 138XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per aver accolto la mia domanda !
Vorrei solo chiederle anche, se il presentimento di mia mamma di arrivare ad una paralisi,possa rientrare in questa patologia e che consigli mi può dare.
grazie di tutto ,[il figlio].
[#3] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Non credo che sia una previsione possibile da poter fare in queste condizioni. Una terapia antiaggregante potrebbe essere utile: consulti il suo medico.